“Apri gli occhi”: debutto in città per Gian Crò -Video

Print Friendly, PDF & Email

Debutto avellinese per “Apri gli occhi”, prima pièce teatrale del giovane Gian Crò, attore e regista avellinese di nascita, romano d’adozione, che torna nella sua città natale dopo quattro anni.

Un testo inedito, tre giovani attori pronti a farvi emozionare, una grande festa all’insegna del teatro di qualità. Giovedì 16 novembre, alle 21, l’auditorium del Conservatorio «Domenico Cimarosa» di Avellino, tiene a battesimo il debutto di «Apri Gli Occhi».

«Apri gli occhi» è un testo inedito, intriso di commedia e allo stesso tempo capace di dare spazio all’amarezza e alla riflessione. La storia è incentrata sulle vicende di Alberto, un ragazzo che non ha ancora compiuto diciotto anni ma ha già una forte passione per il teatro, e due ricercatori bio medici, Antonio e Concetta.

Lo scopo dei due sarà quello di appropriarsi in maniera subdola dell’eredità che pende sulla testa di Alberto dopo aver perso i suoi genitori in un incidente d’auto e il finale sarà tutto da scoprire, in un susseguirsi di azioni serrate e dinamiche, in uno stile che strizza l’occhio al montaggio cinematografico.

Gli attori in scena sono Gian Crò, per l’occasione nelle vesti di autore, interprete e regista, che, nonostante la giovane età, vanta già collaborazioni importanti, Salemme su tutti, Benedetta Rustici, attrice toscana che ha lavorato con i registi più influenti della scena teatrale contemporanea e Federico Nelli, giovane accademico che ha avuto la possibilità di lavorare con Claudio Insegno e Marco Simeoli.

Le musiche sono state composte da Corrado Cirillo, studente del Conservatorio di Musica «Domenico Cimarosa», i costumi sono a cura di Carmine Tulipano e Simona Fraterno, mentre il prezioso aiuto regia è di Valentina Vitagliano.

Il costo del biglietto è 10 euro. In promo speciale per gli studenti del Conservatorio Domenico Cimarosa al costo di 5 euro.