Istat: commercio estero, in calo import ed export

0
222
Import Export

Leggera flessione delle esportazioni italiane a luglio 2015, rispetto al mese precedente. Secondo i dati Istat, la flessione congiunturale dell’export è la sintesi dell’aumento delle vendite verso i mercati extra Ue (+1,0%) e della diminuzione di quelle verso i mercati Ue (-1,5%). Al netto dei prodotti energetici (-18,1%), si rileva una contenuta crescita (+0,4%).La diminuzione dell’import rispetto al mese precedente coinvolge gli acquisti sia dai paesi extra Ue (-6,4%) sia da quelli Ue (-1,7%). La flessione è estesa a tutti i principali raggruppamenti di prodotti, a eccezione dei beni di consumo durevoli (+3,9%).Nel trimestre maggio-luglio 2015, la positiva dinamica congiunturale dell’export (+1,0%) è determinata dall’area Ue (+2,8%). Al netto dei prodotti energetici (+31,7%), la dinamica è stazionaria, con solo i beni di consumo (+2,7%) in rilevante espansione. A luglio 2015, la diminuzione congiunturale dell’export (-0,4%) è determinata soprattutto dalla flessione delle vendite di prodotti energetici (-18,1%) e di beni di consumo non durevoli (-0,9%). La flessione congiunturale dell’import (-3,7%) è dovuta principalmente al calo degli acquisti di beni di consumo non durevoli (-6,5%) e di beni strumentali (-5,4%).

Print Friendly, PDF & Email