Imprese italiane ancora “stritolate” dal Fisco

0
252
5 per mille

Imprese italiane ancora nella morsa del fisco. E’ il titolo di questa mattina de “Il Sole 24 Ore”. Nella manifattura una società su due ha pagato più che nel 2013. Sale il tax rate per energia e servizi. Bilanci in nero per la crisi, ma il fisco non ha mai mollato la presa, con un tax rate medio che si attesta al 32,8% dei profitti, arrivando al 35,5% delle attività manifatturiere e al 36,4% di quelle commerciali (i due settori con più imprese) e sfiorando il 40% per le Pmi di molte grandi città. “Ed è importante sottolineare che queste percentuali colpiscono i risultati ante-imposte, cioè quel che rimane dopo che i manager hanno fatto fronte a tutti gli altri costi, compresi i contributi previdenziali, il Tfr e le imposte diverse da Ires e Irap”. Le percentuali sono il risultato di un’elaborazione di InfoCamere per Il Sole 24 Ore del lunedì su oltre 234mila bilanci depositati in formato elettronico (Xbrl) da altrettante società italiane per gli esercizi del triennio 2012-14. “L’aspetto più significativo è che non si vede ancora alcun segnale di riduzione generalizzata della pressione fiscale, nonostante i tanti annunci della politica e le tante microagevolazioni introdotte negli ultimi anni. Certo, l’ incidenza media del prelievo nel 2014 cala dell’ 1,1% rispetto al 2012, ma è un dato che va letto con attenzione”.

Print Friendly, PDF & Email