Spending, il Ministro Guidi: tagli per dieci miliardi

0
249
Il Ministro Guidi

Federica Guidi, ministro dello Sviluppo economico, intervistata dal quotidiano “La Repubblica”. Il Ministro, in primis, risponde al commissario europeo agli Affari economici Pierre Moscovici, che ieri in un’intervista sempre a Repubblica aveva chiesto all’Italia di compensare il taglio delle tasse con una riduzione della spesa. “Noi – dice il Ministro Guidi – stiamo procedendo come da programma. La spending review va avanti al pari del piano triennale di riduzione della pressione fiscale”. Guidi conferma l’obiettivo di 10 miliardi di risparmi e smentisce che i tagli siano lineari. “Ci sono target di riduzione della spesa e ciascun ministero, e non per tutti è uguale, decide liberamente come realizzarli”, spiega. Guidi si dice d’accordo sul taglio delle tasse sulla prima casa. “Credo che per le imprese si sia già fatto molto con la precedente legge di Stabilità. In questa, peraltro, proseguiremo anticipando una parte della riduzione dell’Ires, ma sappiamo pure – osserva – che se c’è un fattore che si muove a fatica in questa fase di ripresa è quello dei consumi. Tagliare la Tasi sulla prima casa vuol dire lasciare più soldi nelle tasche degli italiani e dare indirettamente un impulso alla domanda interna”. Quanto alla decontribuzione per le assunzioni a tempo indeterminato, “penso che andrebbe riconfermata”. Nell’intervista il ministro interviene sul caso Volkswagen definendo “prematuro e imprudente” stimarne l’impatto sull’industria italiana. “Condivido il rigore delle istituzioni europee purché – aggiunge – non si pensi di introdurre normative più stringenti sulle emissioni. Significherebbe mettere a rischio uno dei settori trainanti del Pil europeo”.

Print Friendly, PDF & Email