Quindici, “evitate inutili passerelle”

0
390
Attentato a Quindici

Attentato a Quindici, tra i tanti comunicati stampa giunti in redazione dopo il vile attentato contro il maglificio che nascerà domani nella villa confiscata ai boss della camorra, notizie che abbiamo appreso di buon mattino dalla viva voce dell’assessore Marco Cillo del Comune di Avellino, ci piace dare spazio, in particolare, a quello di Enza Amato (vicepresidente commissione regionale anticamorra e beni confiscati): “E’ un atto gravissimo, le istituzioni tutte, a partire dalla Regione, devono dimostrate fisicamente e con gli atti consequenziali il sostegno alla straordinaria iniziativa del maglificio “CentoQuindici Passi”. La camorra vuole contrastare quelle iniziative di economia sociale che sono il primo e più forte strumento di contrasto all’economia criminale. E lo Stato deve dimostrare oggi più mai la sua presenza. Sarei già intervenuta all’inaugurazione di domani, e spero che, dopo quanto accaduto, la commissione e anche la giunta vogliano essere presenti per rendere visibile il proprio sostengo. Ma non  dovrà essere, come troppe volte è capitato, un’inutile passerella” continua la consigliera Amato “sono necessari atti concreti. Nella passata legislatura la Regione non è riuscita nemmeno a erogare un minimo finanziamento di 100 mila euro che pure era stato individuato per sostenere lo start up del maglificio. Ora si deve voltare pagina, si deve sostenere nella prassi queste esperienze che dimostrano la possibilità di determinare uno sviluppo territoriale e occupazionale sostenibile e inclusivo a partire dai beni confiscati”.

Print Friendly, PDF & Email