Dieselgate, sotto accusa anche Porche: trema la Borsa

0
214

Volkswagen e dieselgate, nuove accuse dagli Stati Uniti: l’Epa, l’Ente americano per la protezione dell’ambiente, ha notificato al gruppo tedesco una seconda Notice of violation (Nov) relativa al presunto utilizzo su motori diesel di software in grado di truccare i risultati dei test sulle emissioni inquinanti. L’avviso è stato notificato a Volkswagen, Audi e Porsche e riguarda veicoli con motori diesel da 3.0 litri di cilindrata prodotti dal 2014 a oggi: i SUV Vw Touareg, Porsche Cayenne e Audi Q7 e Q5 e le berline Audi A6, A7, A8 e A8L; il provvedimento riguarda circa 10mila unità vendute dal 2014, oltre a un numero imprecisato di veicoli “modello 2016” (in vendita negli Usa da settembre). A scriverlo è Il Sole 24 Ore che pubblica un articolo molto dettagliato. “All’indagine – scrive il quotidiano – ha partecipato anche il California Air Resources Board (Carb), che ha svolto test su veicoli di tutti i costruttori. «Questi test – afferma il Carb – hanno sollevato serie preoccupazioni sulla presenza di defeat devices su altri veicoli Vw, Audi e Porsche». Secondo l’Epa i test su veicoli di altre marche non hanno per ora fornito prove di violazioni di questo tipo; i test sono ancora in corso”.

Print Friendly, PDF & Email