Stabilità, maxi-ammortamenti 160% imprese Sud

0
307
Aula del Senato

Legge di stabilità, un maxi ammortamento del 160% (anziché del 140%) degli investimenti in beni strumentali destinato esclusivamente alle imprese delle Regioni meridionali che rientrano dell’obiettivo convergenza (Campania, Puglia, Calabria Sicilia, Basilicata). Lo chiede un emendamento del Pd. Le coperture arriverebbero da un aumento delle tasse sui giochi. Rinnovare al 100% la decontribuzione per i nuovi assunti riportando il limite massimo di esonero a quello attualmente in vigore, 8.060 euro. È un’altra proposta del Pd per il Sud, inserita in un emendamento alla legge di stabilità a prima firma Tomaselli. Alle coperture, pari a 210 milioni nel 2016, 530 milioni nel 2017 e 350 milioni nel 2018 “si provvede a valere sulle risorse residue e disponibili dei Fondi strutturali europei 2007/2013 e sulle risorse disponibili del Fondo di sviluppo e coesione per gli anni successivi al 2016”. Dal ritorno del tetto dei 1.000 euro per l’uso del contante, al ritorno dell’Imu (ma con un super bonus di 400 euro), fino alla sanatoria per gli ex dirigenti dell’Agenzia delle entrate. Nella valanga degli oltre 3.500 emendamenti alla legge di stabilità, depositati entro il termine scaduto a mezzogiorno di sabato nella commissione Bilancio di palazzo Madama, maggioranza e minoranze spingono per modificare la manovra, chiedendo al governo di rivedere nella sostanza i principali capitoli del provvedimento. La soppressione della norma che eleva l’uso del contante, dagli attuali 1.000 euro a 3.000 euro, è prevista da diversi emendamenti, firmati dalla minoranza Pd, da Sel, dal gruppo misto e dal Movimento 5 stelle. Mentre un emendamento di Ap prevede l’abolizione della norma che introduce il canone Rai in bolletta. Il ritorno all’Imu, con una maxi detrazione di 400 euro, più 50 euro a figlio, viene proposto dalla minoranza del Partito democratico, mentre tutto il gruppo chiede di introdurre un maxi ecobonus, per gli immobili di interesse artistico e l’esenzione della Tasi per gli immobili di lusso. Con un altro emendamento il Pd propone una soluzione al problema degli ex dirigenti dell’Agenzia delle entrate, dichiarati illegittimi dalla sentenza della Consulta.

Print Friendly, PDF & Email