“60 mld in dieci anni per il Sud”: la ricetta di Polverini

0
346
Renata Polverini

“60 miliardi in dieci anni per il Sud”. E’ il progetto che l’onorevole Renata Polverini, insieme all’Ugl, è pronto a mettere in campo e a presentare al Governo e a tutte le forze politiche e sociali del Paese. Lo afferma la stessa Polverini, in Irpinia per gridare forte il suo no alle trivellazioni petrolifere. “Trivellare in un luogo in cui c’è stato, 35 anni fa, uno dei terremoti più brutti della storia, è impensabile. Proprio oggi, del resto, che è chiara la connessione tra le trivellazioni e il dissesto idrogeologico e, quindi, il sisma. Ribadiamo con forza la nostra vicinanza alle classi dirigenti locali in questa battaglia così seria ed importante. L’Italia – aggiunge Polverini – è Paese fuori dal contesto storico. Si voleva il nucleare quando Germania e Francia e altri importanti Paesi europei erano contrari. Oggi si parla di ambiente contaminato da gas serra e idrocarburi e l’Italia che fa? Ormai siamo decontestualizzati, arriviamo troppo tardi su tutto. Spero che dalla prossima conferenza di Parigi sull’ambiente, arrivino direttive chiare contro il petrolio. A quel punto l’Italia non puà continuare a perseguire strade anacronistiche”.

Nel concreto, cosa immaginate di fare per evitare le trivellazioni petrolifere?

Sosterremo ovviamente la campagna referendaria ed insieme ai colleghi del territorio, in particolare il senatore Sibilia, metteremo in campo tutti gli strumenti parlamentari idonei a scongiurare questa sciagura.

Onorevole Polverini, Lei è anche vicepresidente della Commissione Lavoro. Cosa ne pensa delle politiche del Governo Renzi in questo settore?

Le stiamo contrastando fortemente perché, al di là delle belle parole del Premier, non c’è nulla di positivo e di concreto. Inoltre, partecipo a tante iniziative nelle quali si parla di Sud. Il Mezzogiorno è completamente scomparso dall’agenda politica di questo Governo, anche nella Legge di Stabilità non ci sono misure ad hoc. Il masterplan, il tanto sbandierato masterplan, altro non è che una rimodulazione dei fondi comunitari che non riusciamo a spendere. Non si può continuare a prendere in giro gli italiani.

Lei cosa propone?

Una politica integrata che si basi su ambiente, occupazione, giovani, donne, infrastrutture. Abbiamo messo in campo, insieme all’Ugl, un progetto integrato. Abbiamo individuato anche una cifra che deve essere spesa per il Sud. Parliamo di 60 miliardi in dieci anni. E’ una cifra possibile, Renzi per tutti i suoi spot ne ha spesi diversi di miliardi, quindi le cose che proporremo innanzitutto al Governo, sono fattibili.

Print Friendly, PDF & Email