La ricerca: l’artigianato non conosce crisi

0
405
Artigianato, contratto unico

Il mondo dell’artigianato e delle imprese artigiane (sono circa 1,4 milioni in Italia) non si è piegato alla crisi e ha raccolto la sfida del cambiamento puntando sulla qualità e sull’innovazione. Lo dimostra una ricerca inedita sull’artigianato in Italia condotta dalla Fondazione della Sussidiarietà con il coordinamento scientifico del Politecnico di Milano e dell’Università di Bergamo. Il 71% delle imprese artigiane, rileva la ricerca, afferma che la crisi economica ha influito poco o niente sull’andamento del numero dei dipendenti (il numero medio di addetti delle imprese del campione è di 6,6, con grande variabilità tra aree geografiche). L’87% dei livelli del campione ha mantenuto i livelli occupazionali pre-crisi. La maggioranza delle imprese interpellate dichiara di realizzare parte del fatturato all’ estero. La produzione artigiana, oggi più che mai, è sinonimo di qualità e originalità del prodotto: dall’alimentare, all’arredo, all’abbigliamento.  E gli artigiani italiani sono anche ottimisti: la maggior parte delle imprese del campione prevede un aumento del fatturato nei prossimi due anni. Infine una parola sul territorio: le imprese artigiane, nel 75% dei casi rappresentate da ditte individuali o società di persone, ritengono che il legame con le tradizioni locali contribuisca al successo dell’impresa.

Print Friendly, PDF & Email