La cultura si fa impresa: 50 giovani al via

0
370

Cinquanta imprese culturali immaginate e realizzate da giovani sono pronte al decollo. Potranno contare su un’opportunità di finanziamento grazie al bando “Funder35” che prevede per le organizzazioni culturali senza scopo di lucro, composte in prevalenza da under 35, la possibilità di spendere 2 milioni e 650 mila euro di risorse private. Su 170 imprese culturali che hanno inviato la propria proposta, 50 hanno ottenuto il via libera al finanziamento per una media di 50 mila euro a iniziativa. Il 26 gennaio a Roma, al Ministero dei beni e delle attività culturali e alla presenza del Ministro Dario Franceschini, ci sarà l’evento di presentazione delle imprese selezionate.  Il sostegno di Funder35 non si limita solo all’aspetto economico e a quello formativo: ci sono infatti anche alcune misure che permetteranno alle organizzazioni non profit un accesso facilitato al credito ed altri servizi di sostegno e consulenza. I 50 progetti selezionati interessano 14 regioni italiane, nel dettaglio 9 in Piemonte (province di Asti, Cuneo, Torino); 7 in Campania (province di Avellino, Caserta, Napoli, Salerno); 5 in Emilia-Romagna (province di Bologna, Modena, Parma, Reggio Emilia), 5 in Lombardia (province di Cremona, Milano), 5 in Toscana (province di Firenze, Livorno, Lucca, Siena); 4 nelle Marche (province di Ancona e Ascoli Piceno); 3 in Puglia (province di Bari e Lecce); 2 in Friuli-Venezia Giulia (Udine), 2 in Liguria (Genova, La Spezia), 2 in Sardegna (province di Cagliari e Sassari), 2 in Valle d’Aosta (provincia di Aosta), 2 in Veneto (Padova); 1 in Calabria (Reggio Calabria) e 1 in Sicilia (provincia di Agrigento). L’iniziativa, nata nel 2012, quest’anno è promossa da 18 fondazioni.  Le imprese culturali non profit individuate sono attive nei settori della danza, teatro, musica, fotografia, cinema, arte, fumetto, enogastronomia e turismo.

 

Print Friendly, PDF & Email