Aerospazio, nasce la rete d’impresa

0
240

Mbda, Cira, Fox Bit, Dragonfly e Csm insieme nella rete di imprese denominata Niam -Network Italiano Additive Manufacturing L’obiettivo è accrescere le conoscenze e la competitività nel settore della manifattura per l’aeronautica e lo spazio, individuato come uno dei principali fattori di innovazione. L’atto costitutivo della rete è stato sottoscritto dai massimi vertici delle cinque società: Antonio Perfetti per Mbda Italia che è anche la capofila del gruppo, Luigi Carrino per il Cira, Massimiliano Scarpetta per Fox Bit, Claudio Giarda per Dragonfly, Cesare Murgia per Csm, alla presenza di Mariano Bozza in rappresentanza dell’Assessorato alle Attività Produttive della Regione Campania. L’Additive Manufacturing, conosciuta anche come stampa 3D industriale, è il processo attraverso il quale, partendo da modelli numerici 3D e tramite la deposizione di materiali (metalli o compositi) per strati successivi, si possono realizzare componenti meccaniche seriali o prototipali ad elevata complessità. Il suo impiego è molto importante per i settori high-tech ed in particolare per il settore aerospaziale che, con i suoi componenti altamente tecnologici, il loro valore molto elevato, i bassi volumi produttivi e i tempi strettissimi di risposta alla domanda, individua nella Manifattura Additiva la migliore risposta tecnologica. Le società aderenti si impegnano a svolgere una serie di azioni che vanno dal miglioramento della conoscenza e del monitoraggio del mercato per favorire un rapido e competitivo ingresso della rete, all’acquisizione di un approfondito know how sulle fenomenologie e tecnologie relative alla Manifattura Additiva, fino alla caratterizzazione dei propri prodotti e servizi per l’elevato livello innovativo e standard qualitativo.

Print Friendly, PDF & Email