Under 40 all’estero, numeri in crescita

0
417

I giovani meridionali emigrano poco. Nel 2014, secondo la Camera di commercio di Monza e Brianza, hanno lasciato l’area metropolitana partenopea ad esempio – e, ovviamente, l’Italia – in 1.885; dato che, tradotto in statistica, significa il 2,2 per mille dei residenti fra i 19 e i 39 anni. Numeri in crescita rispetto a due anni prima, anche un discreto aumento, ma l’indicatore resta comunque molto indietro se paragonato a quello delle altre grandi realtà nazionali: da Milano a Roma e Torino. Secondo la Camera di commercio di Monza e Brianza, che ha rielaborato informazioni raccolte dall’Istat, sono 45mila gli under 40 che nel 2014 hanno lasciato l’Italia e trasferito la propria residenza all’ estero, chi per cercare fortuna, chi per inseguire un lavoro, una passione o una nuova carriera. «Immigrati, expat, foreign professionists fino a 39 anni rappresentano la metà circa del totale dei cambi di residenza (dato in aumento rispetto al 2012 del 30,7%)». Per i giovani si tratta di 3,3 trasferiti all’estero ogni mille, in aumento del 34,3%. Milano è prima con quasi 3.300 cambi di residenza oltreconfine, seguita, per numeri assoluti, da Roma (2.949), Napoli e Torino (1.653). «Se prendiamo in considerazione però i trasferimenti degli italiani all’estero in rapporto al totale dei residenti under 40, si parte di più da Bolzano, Imperia, Trieste, Pavia e Como. Foggia, Taranto e appunto Caserta risultano le province dove il rapporto è più basso: meno di 2 ogni mille». La crescita in due anni dei trasferimenti all’estero per gli italiani under 40 è, come detto, del 34,3%. In numeri assoluti si tratta di oltre 11mila emigrati in più. Nel dettaglio: «Roma (+ 863 rispetto al 2012), Palermo (829), Napoli (757) e Milano (451)».

Print Friendly, PDF & Email