A Sanremo si cantano Battisti e Daniele

0
478

Sanremo canta la grande musica italiana. Il giorno delle cover d’autore è il prossimo 11 febbraio: Patty Pravo canterà “Tutt’al più”, un classico del suo repertorio scritto da Migliacci e Pintucci che partecipò a Canzonissima nel 1970. Clementino – “Don Raffaè”, un brano di Fabrizio De Andrè (scritto con Massimo Bubola e Mauro Pagani) e pubblicato sull’album “Le nuvole”. Dolcenera – “Amore disperato”, uno dei must di Nada. Alessio Bernabei – “A mano a mano”, un pezzo di Riccardo Cocciante reinterpretato anche da Rino Gaetano. Stadio – “La sera dei miracoli” . Bello che la band che ha condiviso con Lucio Dalla un lungo cammino gli renda omaggio al Festival. Annalisa – “America”, un confronto a distanza conGianna Nannini. Neffa – “‘O Sarracino” è da vedere come cavarsela con Carosone. Valerio Scanu – “Io vivrò senza te”, un classico di Battisti e della musica italiana. Noemi – “Dedicato”, un gioiello scritto da Ivano Fossati per Loredana Bertè. Zero Assoluto – “Goldrake”, una sigla che da anni fa ballare in discoteca. Giovanni Caccamo e Deborah Iurato – “Amore senza fine”, doveroso l’omaggio a Pino Daniele. Dear Jack – “Un bacio a mezzanotte” – Ci voleva che anche il Quartetto Cetra venisse ricordato a Sanremo. Bluvertigo – “La lontananza” – Morgan è uno specialista della cover e la rilettura di Modugno può generare risultati inaspettati. Lorenzo Fragola – “La donna cannone” – Una sfida a uno dei capolavori assoluti di Francesco De Gregori e della canzone italiana. Irene Fornaciari – “Se perdo anche te” – Un omaggio al Gianni Morandi d’antan. Enrico Ruggeri – “‘A Canzuncella”. Sarà divertente ascoltare Ruggeri alle prese con Gli alunni del sole. Francesca Michielin – “Il mio canto libero”, Inevitabilmente torna Battisti. Rocco Hunt – “Tu vuò fa l’americano” – Carosone è nelle corde di Rocco Hunt. Arisa – “Cuore”, il classicone di Rita Pavone. Elio e le storie tese – Quinto ripensamento – E’ la rilettura della rilettura della Quinta di Beethoven adattata da Walter Murphy per la colonna sonora della Febbre del sabato sera.

Print Friendly, PDF & Email