Il Made in Italy raccontato da Silvio Muccino

0
497

In un Americano a Roma, Alberto Sordi impersona Nando Mericoni che sogna di andare in America ed ha una mania per il cinema d’Oltreoceano tale da americanizzare la propria vita, però non riesce proprio a resistere al cibo italiano, e viene tentato da un piatto di spaghetti: “Maccarone, m’hai provocato e io ti distruggo adesso, maccarone! Io me te magno…!”. Nella famosa scena di Miseria e nobiltà, invece, un Totò affamato danza sulla tavola con la mano piena di spaghetti per poi riempirsi anche le tasche della giacca o ancora la romantica e più dolce scena di Lilli e il Vagabondo. Ed infine l’irresistibile video dello scorso Natale firmato da Casa Surace, parodia dello spot virale sul nonno triste ed abbandonato della catena di supermercati tedesca Edeka :“Se non venite tutti, butto via la parmigiana… Mò si deve fare fredda ‘sta parmigiana?”. Al vero e buon cibo italiano non si può resistere.

E il 2015, anno dell’Expo Universale a Milano, dedicato alla sana alimentazione e al settore agroalimentare, “ Nutrire il pianeta, energia per la vita” , non poteva che chiudersi con lo spot per l’America “The extraordinary Italian Taste” firmato dal regista ed attore romano Silvio Muccino.

Il corposo e naturale olio extravergine d’oliva utilizzato per condire un’insalata che evoca i campi e così la donna si ritrova, scalza e felice, su un terreno di olivi. La bontà e genuinità della gran quantità di formaggi italiani. Gli spaghetti al pomodoro, lo chef che inizia a lavorare la farina a fontana sulla spianatoia in legno per preparare della pasta fresca. I salami, la gran produzione di prosciutto crudo con tanto di marchio a fuoco, come una larga quantità di prodotti italiani certificati, il miele, le noci.

Gli attori che compaiono nello spot sono Leda Kreider, Aferdita Arapi, Tommaso Basili, Iacopo Carapelli, la produzione è di Brand Cross srl, mentre l’agenzia è Brand Portal. La fotografia è curata da Renato Alfarano, la scenografia da Roberto Re Lo spot, la musica da Paolo Iannacci, il montaggio da Guido Fonio e gli effetti digitali da PasteuP. Proprio come si legge dalla pagina facebook del regista Silvio Muccino e si apprende che molto probabilmente ci saranno altri spot: “Questo spot era focalizzato a valorizzare la tradizione culinaria del nostro paese. Ne seguiranno altri che si concentreranno su altri aspetti del Made in Italy.”

Inoltre, in chiusura dello spot compare il logo scelto dal Governo Italiano per essere utilizzato in fiere internazionali, nelle campagne di comunicazione tradizionali e sui social, e per ben identificare i prodotti agroalimentari nei punti vendita esteri, in particolare nella nelle catene della grande distribuzione organizzata americana. Il logo identifica il tricolore italiano con tre onde accompagnato dalla critta “The Extraordinary Italian Taste”, ed è stato presentato a maggio scorso, proprio durante l’Expo di Milano. La campagna è infatti promossa dal Ministero dello Sviluppo Economico e dall’Agenzia ICE– Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane.
Il payoff recita: “Buy authentic italian, get more”, lo spot infatti ha l’intento di far conoscere i veri prodotti agroalimentari italiani ed arginare il cosiddetto Italian Sounding, ovvero prodotti che per nome, colori, grafica, packaging richiamano i sapori e la tradizione italiana, ma di “Made in Italy” non ha proprio nulla. Intende porre un freno anche alla pratica sempre più diffusa dell’Italian Laudering che consiste nell’acquisto di materie prime all’estero per poi immettere nel mercato i prodotti finiti come “Made in Italy”. Fenomeni che stanno danneggiando l’economia nostrana e quindi, il Governo Italiano, in particolare il viceministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, ha puntato ad un importante piano di promozione del Made in Italy, in particolare nel settore agroalimentare, con una “campagna da 20 milioni in quattro stati USA” come si legge da un suo tweet dell’8 dicembre scorso.
La campagna firmata da Silvio Muccino, sarà on air in Texas, Illinois, New York, California, fino alla primavera 2016 e prevede lo spot su tv, web e su uno dei più grandi billboard di Time Square. Ed è trasmesso anche in Italia.
Per lo storytelling del “Made in Italy” vengono utilizzati gli strumenti più semplici ma più emozionali e che contraddistinguono il nostro patrimonio agroalimentare. Lo spot firmato da Silvio Muccino è un viaggio polisensoriale attraverso i colori, le forme, la consistenza, la tattilità, la forza evocativa dei luoghi, creando così un coinvolgimento esperienziale che serve al prodotto per fare la differenza e fare breccia nell’emotività del “consum-attore”, consumatore sempre più protagonista ed esigente. Nel mostrare l’eccellenza dei prodotti italiani, lo spot pone l’accento sulla qualità degli ingredienti, sulla preparazione accurata, sul “saper fare”, su conoscenze e tecniche che non possono essere copiate in quanto patrimonio dell’essere italiani. Non solo quindi fattori naturali ma anche umani, procedimenti attenti che si basano su antiche tradizioni, e viene sottolineata anche l’importanza della certificazione sull’origine, sui processi di produzione e sulla provenienza degli ingredienti.

Print Friendly, PDF & Email