Pittella: “Mezzogiorno, una regione cruciale per l’Europa”

0
350
Gianni Pittella

«La prima cosa è un cambiamento del punto di vista. Non più un Mezzogiorno chiuso a contemplare se stesso e i suoi difetti: al contrario, una regione cruciale per gli sviluppi storici di un’area assai più vasta, di cui si colloca ben al centro. Mezzogiorno cuore d’Europa e del Mediterraneo». A Caserta il primo evento di presentazione del libro “ Scusate il Ritardo-Una Proposta per il Mezzogiorno d’Europa” di Gianni Pittella ed Amedeo Lepore, con la prefazione di Matteo Renzi. Il tour della presentazione del libro approda a Caserta, dopo gli eventi di Milano, Torino e Roma. Il libro scritto da Gianni Pittella – Presidente dei Socialisti&Democratici al Parlamento Europeo, con Amedeo Lepore, assessore alle attività produttive della Regione Campania sarà analizzato nel corso dell’iniziativa “ L’Europa e il Mezzogiorno” giovedì 11 Febbraio a Caserta alle ore 17.30, presso la Sala degli Specchi dell’EPT Caserta nel Palazzo Reale.  libropittellaleporeIl volume, edito da Donzelli editore con la prefazione del Presidente del Consiglio Matteo Renzi,  sarà oggetto dei lavori introdotti dal giornalista Enzo Battarra, con i saluti degli europarlamentari Nicola Caputo e Pina Picierno. Interverranno Lucia Esposito, presidente del Tavolo di Partenariato Economico e Sociale della Regione Campania, Emilio Di Marzio, Portavoce del Presidente della Giunta Regionale della Campania, Pasquale Iorio, Aislo-Piazze del Sapere, Amedeo Lepore, assessore alle attività produttive della Regione Campania,  Mario Caputo, esperto in europrogettazione e autore di uno dei progetti illustrati nel libro. Conclude Gianni Pittella, Presidente dei Socialisti&Democratici al Parlamento Europeo. “Si può colmare, il «ritardo» del Sud? Si possono concepire i suoi problemi in termini di concreta ricerca delle soluzioni? O si deve pensare al «divario» come a una irremissibile condanna?”, scrivono gli autori. “Dopo decenni di discussioni stanche e ripetitive, declinatesi via via in tono minore, cui ha corrisposto una sostanziale paralisi nella elaborazione di progetti e iniziative, il dibattito sulle condizioni del nostro Mezzogiorno sta assumendo auspicabilmente, in questa fase, caratteri più concreti. Alle storiche contrapposizioni tra meridionalismo classico e neomeridionalismo, o tra intervento «dall’alto» e intervento «dal basso», sembra possibile sostituire una visione di sintesi più operativa. Si tratta di indicare i filoni fondamentali di un disegno di sviluppo che riguardi quelle dotazioni economiche e civili di cui il Sud ha più che mai bisogno”. Questo volume è il frutto della collaborazione tra due personalità che hanno condotto esperienze impegnative in campi diversi, ma che si sono ritrovate in una interpretazione innovativa del Mezzogiorno, della sua evoluzione e delle sue prospettive: Gianni Pittella, forte della lunga attività svolta nel Parlamento europeo, da vicepresidente di questa istituzione e ora capogruppo del Pse; e Amedeo Lepore, storico economico e meridionalista di grande competenza, ora impegnato nella Giunta regionale della Campania. Al centro del lavoro vi è l’idea di una «convergenza attiva» del Mezzogiorno nel contesto nazionale ed europeo. Una convergenza che richiede, da parte dei meridionali, sangue e passione, e soprattutto la capacità di guidare il proprio percorso di riscatto. Al governo nazionale e alle istituzioni europee si impone d’altro canto il compito di garantire una strategia nazionale ed europea, partendo dalla consapevolezza che «se il Sud ha bisogno di buone politiche, non è meno vero che l’Italia e l’Europa hanno bisogno del Sud». Dopo avere avanzato una diagnosi complessiva della «questione», il libro propone anche un blocco di undici progetti, in grado di contribuire al disegno di una nuova frontiera meridionale. Apre il volume una prefazione di Matteo Renzi, che delinea il quadro delle strategie con cui l’attuale governo intende operare nella prospettiva di una politica nazionale per il Mezzogiorno.

Print Friendly, PDF & Email