Corruzione, appello ai giovani: denunciate

0
334

“Non abbiate paura, denunciate la corruzione. Per vincere la sfida della legalità serve l’aiuto di tutti”. L’appello agli studenti dell’Itis Dorso arriva dal magistrato Marialuisa Buono e il dirigente della squadra mobile della Polizia di Stato Marcello Castello, in Confindustria per il secondo incontro del progetto “Corruzione: io la ri-conosco e la com-batto”, nato dalla collaborazione tra il Gruppo Giovani guidato da Massimo Iapicca, l’istituto tecnico e l’associazione Libera. “La corruzione è il vero cancro della nostra società perché costringe chiunque a soggiacere a condizioni inaccettabili da parte di chi esercita pubblici esercizi. Come forze dell’ordine, insieme alla magistratura, cerchiamo di fare il possibile per arginare il fenomeno, controllando tutti i contesti perché questa piaga può insinuarsi ovunque”, precisa Castello. La Buono invita a perseguire senza dubbi la strada della legalità, “guai a farsi abbagliare dal guadagno facile e dai lussi che spesso caratterizzano la malavita. Purtroppo come magistratura non possiamo essere ovunque e controllare tutto, è necessario che anche i cittadini collaborino, denunciando episodi di questo tipo”. Il dirigente dell’istituto Rino Loiaco mette in guardia gli studenti su scorciatoie e furbizie. “L’impegno, la meritocrazia sono i valori che devono contraddistinguere il nostro cammino. Come scuola facciamo tutti i giorni la nostra parte, ma è chiaro che si tratta di una sfida complessa che si vince solo se ognuno fa la propria parte”.

Print Friendly, PDF & Email