“Uno dei posti più belli al mondo”. Bagnoli, il piano del Governo

0
259

“Bonifichiamo le terre, bonifichiamo il mare: non ho esitazioni nel dire che stiamo procedendo alla più grande opera di recupero ambientale della storia italiana. Vale più di dieci abbattimenti di ecomostri. Con buona pace delle polemiche di chi per anni non ha mosso un dito. Noi siamo quelli che messi davanti alle responsabilità, non ci prendiamo paura. Abbiamo promesso di sbloccare l’Italia. E lo faremo, con umiltà e coraggio”. Lo scrive su Facebook il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, commentando la visita di oggi a Bagnoli, “un luogo incredibile, situato in uno dei posti più belli del mondo”. Non sono minimamente interessato alle contrapposizioni, siamo al quinto anno di amministrazione cittadina: se avessero fatto quello che potevano e dovevano non avremmo avuto bisogno di commissariamento. Siamo qui perché altri non hanno fatto. Ma la seggiola del Comune di Napoli è lì in cabina di regia e dopo ci sarà in commissione dei servizi. E sottolineo che non mi permetterei mai di cambiare i progetti urbanistici”. “Il piano regolatore per Bagnoli non lo fa il commissario o il presidente del Consiglio ma è quello che Vezio De Lucia”, allora assessore della giunta Bassolino, “aveva fatto a suo tempo. Non c’è un centimetro cubo in più. E non solo: eliminiamo la ‘colmata’. Eliminiamo cioè- spiega – il più grande scandalo ambientale, bonificando 230 ettari e rimuovendo due milioni di metri cubi tra colmata e mare di rifiuti lasciati per anni in condizioni atroci”.

Print Friendly, PDF & Email