Assenteismo nella sanità, 12 arresti tra i furbetti del cartellino

0
272

I finanzieri della compagnia di Rossano, Cosenza, coordinati dalla Procura della Repubblica di Castrovillari stanno eseguendo 12 ordinanze di custodia cautelare di restrizione della libertà personale nei confronti di altrettanti dipendenti pubblici dell’Azienda sanitaria orovinciale di Cosenza, responsabili di “reiterate condotte di assenteismo e abbandono del posto di lavoro”. I dipendenti in orario di lavoro si allontanavano per svolgere attività private. Il 50% degli impiegati della struttura sanitaria abbandonava con frequenza quasi quotidiana il posto di lavoro dopo aver registrato la propria presenza in servizio per fare shopping oppure per dedicarsi a passeggiate sul lungomare di Rossano. Alcuni dipendenti agivano anche in accordo tra loro, scambiandosi reciprocamente il ‘favore’ della timbratura del cartellino, consentendo ai colleghi di arrivare in ritardo in ufficio o di non presentarsi proprio. Nove dipendenti pubblici sono stati posti agli arresti domiciliari e altri 3 sono obbligati a presentarsi ogni giorno alla polizia giudiziaria, tutti accusati di truffa ai danni dello Stato e false attestazioni. Complessivamente gli indagati sono 21, circa la metà del personale che presta il proprio servizio presso l’Ufficio dell’Azienda locale.

Print Friendly, PDF & Email