“Formazione, si cambia: al bando corsi per tatuatori”

0
362
Da sinistra: Moricola, Montefusco, Ercolino e l'assessore Marciani

Venti anni fa lei prendeva la maturità. Venti anni fa nasceva il Liceo classico europeo. E ieri, l’assessore regionale alla Formazione e alle Pari Opportunità, Chiara Marciani, non è voluta mancare ai “primi” 20 anni del Liceo classico europeo “Pietro Colletta” di Avellino, alla festa organizzata alla perfezione dal rettore dirigente scolastico Angelina Aldorasi. Un’occasione importante, nel corso della quale l’assessore Marciani ha detto delle cose interessanti (le abbiamo anche effettuato un’intervista a parte). “Con i fondi europei, fino a qualche anno fa – ha sottolineato – venivano finanziati corsi di formazione per tatuatori, tanto per fare qualche esempio. Ecco, io sono sicura che i tatuatori questi corsi se li possano ancora permettere e pagare da soli. Noi come istituzione, noi come Regione Campania abbiamo il dovere di offrire, e dunque finanziare, corsi di alta formazione. Dobbiamo affrontare sfide importanti, come quella dell’Europa. Dobbiamo rispondere alle esigenze delle aziende e degli imprenditori. Le grandi imprese ci hanno sempre messo in evidenza una cosa: è vero che in Campania ci sono delle eccellenze. Ma oggi non fa più la differenza il voto alto. Oggi quello che fa la differenza sono le cosiddette soft skill, ovvero le attitudini particolari. E’ la specializzazione la chiave di volta del futuro. Dunque dobbiamo lavorare in tal senso, offrendo alta formazione”. Per l’assessore Marciani è fondamentale, ovviamente, anche il discorso delle pari opportunità. “In Campania il 65% dei laureati sono donne. Ma nelle professioni legate all’alta tecnologia, il dato purtroppo scende. La tecnologia non deve appartenere solo agli uomini o a pochi eletti, è necessario un approccio trasversale verso di essa. Anche le donne, quindi, devono essere brave a competere, devono essere capaci con le tecnologie”.

Print Friendly, PDF & Email