I tre tipi di focus fondamentali

0
298

Il 7 Aprile 2016 ho partecipato alla Fiera del Libro di Manocalzati, invitato dall’organizzatrice Donatella De Bartolomeis, imprenditrice instancabile e inarrestabile, Editore de Il Papavero Edizioni, a parlare di lavoro, articolo 18, crisi, etc..Dibattito interessante che ha visto protagonisti diversi autori bravi e attenti. All’improvviso, con qualche minuto di ritardo, causa forte maltempo in corso, vedo arrivare un uomo che con fare lesto raggiunge il tavolo del dibattito. E’ il Dott. Michele Ciasullo che scusandosi per il ritardo, tira fuori un bigliettino ed inizia a leggere …. “l’inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme” e i due modi per non soffrirne: “Il primo riesce facile a molti: accettare l’inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all’inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio”– tratto da Le Città invisibili di Italo Calvino. Non mi soffermo sul suo formidabile intervento, intriso di conoscenza e consapevolezza, sui meccanismi che sovrintendono i nostri pensieri e alle azioni derivanti, il tutto incentrato sulla resilienza, sulle false credenze di cui costantemente ci nutriamo e sulla nostra capacità di essere o meno protagonisti, nel bene e nel male, delle nostre scelte, delle nostre azioni e dei nostri risultati.

Il passaggio che mi ha illuminato è il seguente: “attenzione e apprendimento continui” Immediatamente mi è venuto in mente che pochi mesi fa ho letto un libro fantastico di uno dei miei autori preferiti, Daniel Goleman – Focus – Il Driver DANIEL-GOLEMAN-FOCUSnascosto dell’eccellenza. Nel libro magicamente si parla proprio dell’attenzione come del driver “principale” che porta ad essere eccellenti. La differenza è che Italo Calvino ha scritto “Le civiltà nascoste” nel 1972 mentre Goleman ha scritto il suo nel 2013, due epoche totalmente diverse. Nel libro Goleman afferma che l’attenzione in realtà funziona come un muscolo, il “non uso” è negativo e deleterio, l’allenamento costante e l’uso continuo invece è fondamentale per condurre una vita piena di successi, felicità e soddisfazione.  Per i veri leader, per i manager di successo, per le persone proattive e protagoniste della propria vita, delle loro scelte e dei relativi risultati, sono indispensabili tre tipi di attenzione, di focus, di messa a fuoco:

  • Messa a fuoco interna
  • Empatia per gli altri
  • Messa a fuoco esterna

Messa a fuoco interna – consiste nel sintonizzarsi con le nostre intuizioni, con i valori guida e le decisioni migliori. Ci aiuta a capire ciò che in realtà desideriamo e agevola i rapporti con le altre persone, oltre a farci navigare nel mondo più velocemente e consapevolmente. Viviamo nell’era dell’informazione, siamo costantemente esposti ad una marea di messaggi ma non è il chiacchiericcio intorno a noi che è la distrazione più potente ma quello della nostra mente, e’ il nostro dialogo interno fuori controllo che ci arreca più danni. Coloro che riescono a mettere bene a fuoco ciò che sono nel profondo, ciò che vorrebbero essere, ciò che li appassiona veramente, rendendo le proprie visioni chiare e condivisibili con se stessi e con gli altri, fanno sempre la differenza in tutto, sia sul lavoro che nella vita privata. Un leader di successo che guida le altre persone verso obiettivi, ha sempre le idee ben chiare, è in equilibrio con se stesso e con gli altri ed infonde automaticamente fiducia nel prossimo. L’auto-consapevolezza è alla base dell’ autogestione! E’ una questione di mind set, di settaggio mentale, di mentalità potenziata, ottenuta da confronti formativi, da studi potenzianti e da esperienze di coaching o mentoring. Personalmente da anni pratico la meditazione giornaliera e penso fermamente che sia da sempre la modalità più efficace per conoscere se stessi ed entrare in rapporto con i nostri pensieri e desideri più nascosti, il vero cambiamento parte sempre dall’inconscio.

Empatia per gli altri – L’empatia è la capacità di comprendere a pieno lo stato d’animo altrui, sia che si tratti di gioia, che di dolore. Empatia significa “sentire dentro”, ad esempio “mettersi nei panni dell’altro”, ed è una capacità che fa parte dell’esperienza umana ed animale (fonte Wikipedia). E’ alla base dello stare insieme in società, capire gli altri aiuta a capire se stessi, vale sia a livello personale che aziendale. Le aziende empatiche conoscono bene i loro clienti, i loro desideri, le loro aspettative. Li seguono, li coccolano, costruiscono prodotti e servizi dedicati, sono quelle che anticipano i cambiamenti. E’ alla base anche delle relazioni umane e dei nostri risultati all’interno di una comunità fatta di persone prima che di cose!

Messa a fuoco esterna – La capacità di analizzare cosa succede intorno a noi. Di capire cosa concorre alla realizzazione dei nostri obiettivi e cosa no, di quale esperienze nutrirci, di selezionare o scartare le informazioni che non ci servono e che concorrono solo a confonderci e a distrarci. Questa capacità è in stretto contatto con i nostri sensi, li aiuta a cercare e selezionare le informazioni che raccolgono in automatico, alla base della legge di attrazione. Attrai ciò che realmente desideri a patto e a condizione che tu ne sia consapevole, in questo caso la messa a fuoco interna è indispensabile. Questa capacità ti fa essere più leggero, costruttivo, sempre alla ricerca di strumenti, competenze e di esperienze che concorrono alle proprie visioni, ai propri progetti.

Il Dott. Ciasullo aveva ragione a citare Italo Calvino, è inutile lamentarsi di una situazione senza fare nulla per cambiarla subendo passivamente gli eventi. Ognuno di noi ha capacità infinite di reazione, di resilienza, di apprendimento, di cambiamento. È sempre una questione di focus, di attenzione prima per se stessi e poi per i propri cari. Nulla è per sempre, tutto può cambiare a patto e a condizione che lo desideri fortemente e costantemente. Generare una mente consapevole, attenta, proattiva, costantemente alla ricerca di tutto ciò che concorre ai veri e propri desideri è l’inizio di una bella storia da raccontare …la TUA!

 

Print Friendly, PDF & Email