Mercato digitale +1% a 64,9 miliardi nel 2015

0
281

Il mercato digitale italiano nel 2015 ha registrato una crescita dell’1% a 64,9 miliardi di euro. Lo indicano Assinform e Confindustria digitale in occasione del convegno sul digitale organizzato a Milano, durante il quale è stato presentato lo studio “Il digitale in Italia nel 2016”. Al recupero registrato nel 2015 hanno contribuito un po’ tutti i comparti, ad eccezione delle telecomunicazioni (-2,4%). Gli altri due terzi sono invece cresciuti: Servizi Ict +1,5% a 10,4 miliardi; Software e soluzioni Ict +4,7% a 5,9 miliardi; Dispositivi e sistemi +0,6% a quasi 17 miliardi; Contenuti digitali e Digital adververtising +8,6% a 8,9 miliardi. Per il 2016 la previsione è di una crescita dell’1,5%, seguita da un +1,7% nel 2017 e +2% nel 2018. A trainare la crescita di quest’anno rispetto al 2015 saranno soprattutto: Iot +14,9%, Cloud +23,2%, Big data +24,7%, piattaforme per il web +13,3%, mobile business +12,3% e sicurezza +4,4%. Ci sarà anche una ripresa degli investimenti per tutti settori, spinti soprattutto dalle grandi imprese: +2,8% la stima per il 2016 sul 2015 (industria +2,1%, banche +3%, assicurazioni +3,7%, utility +3,6% e trasporti +3,4%), seguono le medie con un +1,7% mentre le piccole restano ancora indietro: +0,6%, così  come alcuni settori della Pubblica amministrazione. In generale ci si aspetta un +1,6% della Pa, con la Sanità che vedrà aumentare gli investimenti del 3% quando gli enti locali registreranno un calo del 2%.

Print Friendly, PDF & Email