Alta Velocità al servizio anche dello sviluppo. “Campania attrattiva”

0
327
Del Basso de Caro, Gentile, Famiglietti, Boffa e Basso

“Spero che quest’opera la vedano finita almeno i miei figli e non i miei nipoti”. La frase è di Sabino Basso, imprenditore molto quotato non solo in Irpinia, ma anche all’estero, presidente di Confindustria Avellino. Una frase significativa, perché il presente e il futuro dell’Alta Velocità in provincia di Avellino e nella Campania interna adesso si giocano soprattutto sui tempi. Perché, di certo è che si farà, perché rientra nella più grande opera infrastrutturale mai realizzata al Mezzogiorno, la Napoli-Bari, perché è già stato scritto nero su bianco da Governo e vari enti. Avellino e la sua provincia avranno la stazione “Hirpinia”, una della stazioni dell’Alta Velocità. In zona Santa Sofia. Tutto, adesso, si gioca però sui tempi. Le indecisioni maggiori sono sul quando. Dieci anni per la Napoli-Bari. Così ha detto Maurizio Gentile, amministratore delegato di Rfi, commissario dell’opera. Ed anche Umberto Del Basso de Caro, sottosegretario del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, non sembra pessimista.“Non sarà un’altra Salerno-Reggio Calabria”, assicura.

Le interviste a Gentile e De Caro

http://www.labtv.net/attualita/2016/07/07/ferrovie-annuncia-alta-velocita-na-ba-entro-10-anni/

La provincia di Avellino rientra nel tracciato ferroviario Apice-Hirpinia, per il quale sono già disponibili 768 milioni di euro per un primo lotto costruttivo. Sono stati già chiesti altri 155 milioni al ministero competente per realizzare il lotto funzionale. Insomma, tempi non troppo brevi, ma il tutto dovrebbe rientrare all’interno dei 10 anni previsti complessivamente per la Napoli-Bari. Ma la vera novità, emersa nel corso del convegno organizzato a Grottaminarda dall’Unione dei Comuni dell’Ufita, cui hanno partecipato sia Gentile che Del Basso De Caro, è che ci sono buone possibilità per collegare la stazione Hirpinia all’area industriale della Valle Ufita. Sarebbe una grandissimo risultato e farebbe sì che quell’area diventi uno dei poli logistici più importanti di tutta la Campania. Maurizio Gentile, al termine di un sopralluogo effettuato in zona, sembra non avere dubbi: “E’ un’area industriale importante che deve essere infrastrutturata al meglio”. L’assessore alle Attività Produttive della Regione Campania, Amedeo Lepore, rilancia: “Dobbiamo rendere quell’area, insieme a tutte le aree industriali delle zone interne, maggiormente attrattiva. Anche perché ci sono interessi di grandi aziende ad investire. Tra pochi giorni firmeremo un accordo di programma per la Denso di ben 50 milioni di euro. E poi c’è la novità positiva della nascita di Industria Italiana Autobus”. “Il Governo – ricorda l’onorevole Luigi Famiglietti – sta concentrando molte sue forze proprio sulla Valle Ufita in particolare e sulla Campania in generale. Anzi, spero proprio che il premier Renzi, con il quale mi sento spesso, possa venire quanto prima in provincia di Avellino”.

Print Friendly, PDF & Email