Inps: la metà dei pensionati riceve meno di mille euro

0
325
Pensioni
Pensioni

In Italia i pensionati sono circa 16milioni. Circa 15milioni gli anziani che fanno capo all’Inps e di questi più della metà vive con una pensione inferiore a mille euro. E’ il quadro emerso dalla Relazione annuale dell’Inps presentata alla Camera dal presidente dell’istituto Tito Boeri. Il 38% di pensionati, pari a 5,9 milioni di persone, ha una pensione inferiore a 1.000 euro; il 27,2% (4,2 milioni) ha un reddito pensionistico compreso tra 500 e 999,99 euro ed il 10,8% (1,68 milioni) fino a 499,99 euro, il 6,5%, pari a 1 milione di pensionati, ha un reddito pensionistico superiore a 3.000 euro. La spesa pensionistica Inps (escluse le indennità agli invalidi civili) incide nel 2015 per il 15,6% sul Pil, contro il 15,3% del 2014.  “Si danno molte notizie allarmistiche sul bilancio dell’Inps. Bene, dunque, mettere i puntini sulle ‘i’ – specifica Boeri -: primo, l’Inps opera per conto dello Stato. Le sue prestazioni verranno comunque erogate, perchè garantite da leggi dello Stato”. “Secondo, le stime del disavanzo e del debito pubblico dell’Italia incorporano già i trasferimenti che saranno richiesti per ripianare i disavanzi dell’Inps – ha aggiunto il presidente -. Terzo, il saldo annuale di bilancio dell’Inps riflette i trasferimenti dal bilancio dello Stato, alcuni dei quali sono effettuati a consuntivo. Stiamo lavorando con il Ministero dell’Economia e delle Finanze e il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per riordinare e rendere più tempestivi i trasferimenti dal bilancio dello Stato”. E poi ha concluso: “Sarebbe paradossale che il confronto in atto fra governo e sindacati sulla flessibilità in uscita si concludesse ancora una volta con interventi estemporanei e parziali. Nello studiare i correttivi bene valutare i costi amministrativi in rapporto al numero di beneficiari”.

Print Friendly, PDF & Email