Più personale, meno liste d’attesa: il “Moscati” secondo Percopo

0
365

Due grandi sfide per salvare l’eccellenza dell’Azienda ospedaliera «Moscati» di Avellino: implementare il personale e abbattere le liste d’attesa. Sono lanciate dal nuovo direttore generale, Angelo Percopo, che si insedierà questa mattina. Dopo un decennio il manager uscente, Giuseppe Rosato, cede il testimone di una struttura che resta sì «Azienda di rilievo nazionale ad alta specialità», dove per altro spiccano reparti come la Chirurgia d’Urgenza, guidata da Francesco Crafa, e l’Oncologia di Cesare Gridelli, ma che, allo stesso tempo, risulta in emergenza e spesso difficilmente accessibile ai cittadini, a causa dei tagli al personale che hanno connotato negativamente l’ultimo decennio. Come scrive Il Mattino, “per ripartire, Percopo punta anche a costruire una rete territoriale in sinergia con gli ospedali dell’Asl e con la provincia di Benevento. Ma il punto ormai imprescindibile riguarda proprio la dotazione organica. Dal 2007, l’Ospedale ha perso oltre 300 operatori. Ecco dunque l’appello dell’Ordine dei Medici, con iL presidente Antonio D’Avanzo: «Si tratta del problema fondamentale e per risolverlo ci vorrà tutto l’impegno di Percopo. È un manager di lungo corso, ma dovrà battersi per contrastare la tendenza napolicentrica imperante in Regione».

Print Friendly, PDF & Email