500 ospedali a rischio sismico: allarme Sud

0
145
Atto aziendale
Posti letto in meno in Irpinia

Sono almeno 500 gli ospedali a rischio sismico in tutt’Italia. Il dato emerge da una relazione presentata nel 2013 dalla commissione parlamentare d’inchiesta sul Ssn: quelli più a rischio sono dislocati soprattutto lungo l’Appennino. Le strutture necessitano di una pluralità di interventi, che sarebbero strategiche in base alla loro localizzazione in zone ad alto rischio sismico dato che costituiscono un punto di riferimento per la gestione di eventuali situazioni di emergenza post evento.

Sono strutture distribuite soprattutto lungo l’arco appenninico, nella zona dell’Italia centrale ma soprattutto meridionale, in particolare in Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia. Nel 2013 solo l’8% delle strutture ospedaliere censite era stata costruita dopo il 1983, mentre il 16% risale a prima del 1934. Il documento riporta anche il risultato di una indagine fatta su 200 strutture italiane. Il 75 per cento degli edifici verificati presenterebbe un indicatore di rischio di stato limite di collasso compreso tra lo 0 e lo 0,2, quindi carenze gravissime.

Print Friendly, PDF & Email