Terremoto: Napoli, pizza all’amatriciana per raccogliere fondi

0
261

Una pizza per aiutare i terremotati, magari all’amatriciana. Una festa della pizza all’insegna della solidarietà verso le popolazioni colpite dal recente terremoto in Italia centrale. Ecco il ‘Napoli Pizza Village 2016‘, sesta edizione della kermesse sul lungomare Caracciolo del capoluogo partenopeo dal 6 all’11 settembre prossimo. Diverse le iniziative studiate per le vittime del sisma. I pizzaioli prepareranno la pizza all’amatriciana, e su 12 euro, costo di ogni menù, 3 saranno devoluti in aiuti alle Marche, al rietrino e all’Abruzzo. Si progetta anche di organizzare un analogo villaggio proprio ad Amatrice, uno dei comuni maggiormente colpiti, per sostenere la ripresa economica e urbana delle zone terremotate, non appena possibile. Oltre all’alto patronato della Presidenza della Repubblica, l’iniziativa ha anche quelli del Ministero della Politiche Agricoli e Forestali, del Comune di Napoli, della Città Metropolitana, Regione Campania e dell’Associazione pizzaioli napoletani. Questo anno aderiscono 50 tra le migliori pizzerie; previsti 23.500 posti a sedere, in 4-5 turni giornalieri distribuiti tra le 18 e le 24. Tra gli avvenimenti collaterali, il 15esimo Campionato mondiale del Pizzaiolo Trofeo Caputo e un convegno su “Pizza e Mandolino: stereotipo o sfida culturale? Dal milione di sostenitori per #pizzaunesco all’Universalità della musica napoletana”.

Print Friendly, PDF & Email