Fiordellisi (Cgil): la sicurezza deve essere priorità

0
176
Franco Fiordellisi

La Cgil irpina al fianco delle popolazioni terremotate. Il 15 ottobre prossimo, a Sant’Angelo dei Lombardi, si apre il ciclo di eventi promosso dal sindacato a sostegno delle popolazioni terremotate del Centro Italia. Al momento sono nove le tappe in calendario (oltre Sant’Angelo dei Lombardi, sono previsti eventi a Calitri, Lacedonia, Montoro, Bisaccia, Sant’Andrea di Conza, Solofra e Montella). Il simbolico appuntamento del 23 novembre è a Lioni, tra i paesi più colpiti dal terremoto del 1980. “L’organizzazione è work in progress: vorremmo chiudere la manifestazione con un grande evento ad Avellino entro la prima metà di dicembre”, precisa il segretario provinciale Franco Fiordellisi. “Abbiamo coinvolto a titolo gratuito musicisti, letterati e artisti di varia estrazione”, precisa Antonio Pignatiello, direttore artistico della manifestazione. “Il nostro auspicio è che i fondi raccolti siano destinati ad iniziative per la cultura e la socialità”. Gli eventi organizzati sul territorio saranno anche l’occasione per riaccendere la luce sui temi legati alla sicurezza, oltre a raccogliere fondi per le popolazioni di Accumoli, Amatrice e Arquata del Tronto. “La sicurezza delle nostre case, delle nostre scuole deve diventare la priorità. A noi non interessa la caccia al colpevole ma la soluzione, che non può essere solo giudiziaria”. Il caso Cocchia è solo l’ultimo campanello d’allarme. “A distanza di 36 anni dal terremoto la nostra provincia non è ancora sicura. I dati in nostro possesso ci dicono che il 70 per cento degli edifici pubblici non è anti-sismico. Dopo la mobilitazione all’indomani del terribile sisma del Centro Italia ci saremmo aspettato altro dal governo, partire dalla normativa di riferimeno”. “Il dialogo è fondamentale, le singole amministrazioni hanno il dovere di far emergere le criticità e lavorare per la messa in sicurezza del territorio”, precisa Mimmo Giugliano della Cgil.

Print Friendly, PDF & Email