Gay: il Sud non ha bisogno di leggi speciali

0
259
Il Presidente dei Giovani Imprenditori, Marco Gay

“Il Sud non ha bisogno di leggi speciali, ma di leggi normali per un territorio che non dev’essere reso speciale o diverso, ma normale”. Questa la ricetta per il Mezzogiorno secondo il presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria Marco Gay, a Napoli per presentare il meeting di Capri. “La nostra idea sul Sud è immutata – spiega – riteniamo sia una parte fondamentale del nostro Paese e che non necessiti di vecchie logiche. Bisogna che sia parte integrante dello sviluppo infrastrutturale, della formazione”. Secondo Gay “non possiamo pensare, in un momento in cui si parla d’Europa, a un Paese diviso in parti. La voglia di fare impresa e dimostrare quanto bravi a fare impresa qui è pari, se non maggiore, al resto d’Italia”.

Il presidente si è poi soffermato sui temi al centro del 31mo congresso dell’associazione di categoria a Capri, i prossimi 21 e 22 ottobre. Quattro ministri, i vertici nazionali dei sindacati confederali, il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, si alterneranno nella due giorni organizzata dall’associazione di categoria. “Abbiamo voluto interrogarci – ha affermato Gay – su come e quali strumenti utilizzare per progettare in maniera concreta quello che riguarda il futuro”. E questo “senza aspettare che qualcosa succeda. In azienda – ha sottolineato – non possiamo permetterci di aspettare, ma dobbiamo guardare al prossimo triennio con grinta e forza”.

Al congresso parteciperanno, nella giornata di venerdì, dopo l’apertura da parte di Gay e di Nunzia Petrosino, presidente campano di Confindustria Giovani, i ministri del Lavoro, Giuliano Poletti, e dell’istruzione, Stefania Giannini. Nello stesso giorno ci saranno i leader sindacali della Uil, Carmelo Barbagallo, della Cgil, Susanna Camusso, della Cisl, Annamaria Furlan. Il giorno seguente spazio a Maria Elena Boschi, ministro per le Riforme, e Carlo Calenda, ministro dello Sviluppo economico. E ancora, tra gli altri, il presidente dell’Inps Tito Boeri, l’ad di Ferrovie dello Stato, Renato Mazzoncini, il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris. Interventi conclusivi del presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, e poi di Marco Gay. Una sessione della due giorni sarà dedicata ai territori scolpiti dal sisma lo scorso agosto, “perche’ crediamo che sia anche compito nostro non dimenticare”. Per Vincenzo Caputo, vicepresidente dei Giovani di Confindustria, il meeting “sara’ un’occasione strategica di confronto nel momento in cui si va verso l’approvazione di misure importanti da parte del Governo”.

Print Friendly, PDF & Email