Esuberi alla Novolegno: continua la protesta

0
365
La Novolegno di Montefredane

Tensione alta alla Novolegno. Non si ferma la protesta a Montefredane contro i 55 esuberi annunciati dal gruppo Fantoni. L’azienda sembra anche intenzionata a proseguire l’attività su un’unica linea di produzione: una scelta, che se confermata, è destinata a ridimensionare pesantemente lo stabilimento di Arcella. Di qui la decisione dei lavoratori di incrociare le braccia contro politiche che, a detta del sindacato, sembrano penalizzare solo le sedi del Sud. Anche per questo si sta valutando la possibilità di trasferire la protesta in Friuli per alzare ulteriormente il livello di guardia e pressare ancora più da vicino l’azienda. Lo sciopero dei lavoratori andrà in ogni caso avanti fino a lunedì con due ore di stop alla fine di ogni turno. Martedì 31 gennaio poi vertice decisivo al ministero del Lavoro a Napoli. In quella sede il sindacato proverà ad ottenere il sì dell’azienda ai contratti di solidarietà. In caso contrario sarà sciopero ad oltranza.

 

Print Friendly, PDF & Email