Sud, Confindustria Cgil Cisl Uil: è ora di avviare progetti Masterplan

0
209

Sui Patti attuativi regionali del Masterplan per il Mezzogiorno (le cui linee guida sono state lanciate dal governo a novembre 2015), Confindustria, Cgil, Cisl e Uil apprezzano il metodo adottato ma sollecitano l’avvio rapido dei progetti individuati. E’ quanto affermano le stesse parti sociali in un documento di valutazione comune (che fa seguito al documento congiunto di un anno fa) sui Patti siglati tra il governo e le otto regioni del Sud, presentato in occasione di una iniziativa sul tema, nel quale si indica tra l’altro di riequilibrare l’allocazione delle risorse su impresa e lavoro. Confindustria, Cgil, Cisl e Uil propongono anche di istituire un “tavolo permanente” con l’Autorità politica per la Coesione “con il compito di accompagnare, a livello nazionale e regionale, l’attuazione di ciascun Patto, condividere le modalità di monitoraggio, valutare le opportunità e le necessità di aggiustamento programmatico e progettuale”. Sul piano metodologico, si legge infatti nelle valutazioni comuni, Confindustria e Cgil Cisl e Uil “condividono l’opportunità di favorire una rapida ed efficace attuazione degli interventi selezionati e di migliorare la qualità dei progetti ancora da individuare, garantendo la necessaria flessibilità di programmazione, per consentire rafforzamenti mirati, integrazioni e rimodulazioni eventualmente necessarie”. Nel documento Confindustria, Cgil, Cisl e Uil ricordano che dall’analisi dei Patti regionali emerge “una sostanziale concentrazione delle risorse complessive impegnate, pari ad oltre 35 miliardi di euro, su 3 principali macrovoci: Infrastrutture (10,7 miliardi), Ambiente (10,7 miliardi) e Sviluppo economico e produttivo (7,4 miliardi), che da sole assorbono l’82% delle risorse dei Patti”. Invece, “manca il sostegno ad una serie di interventi prioritari per favorire dinamiche di sviluppo del tessuto produttivo del Mezzogiorno” e “appare trascurato il tema cruciale dell’accesso al credito e del rafforzamento patrimoniale e finanziario delle imprese”. Risorse contenute, sottolineano, anche su ricerca e innovazione, su turismo e valorizzazione dei beni e delle attività culturali, su legalità e, più in generale, sulle priorità di natura sociale. Dunque, rilevano nel complesso delle allocazioni dei Patti attuativi del Masterplan “una distribuzione non equilibrata tra interventi di infrastrutturazione fisica e misure a sostegno degli investimenti imprenditoriali e sul capitale umano” e ritengono “importante perfezionare e rafforzare strumenti come il credito di imposta per gli investimenti e il bonus occupazione per il Mezzogiorno”.

Print Friendly, PDF & Email