“Basta con l’arroganza di Renzi”. Dp pronti anche in Irpinia

0
358
Alberta De Simone e Mimmo Sarno

DP, il nuovo centro sinistra volta pagina e si proietta verso un mondo ideologico. “Art. 1 – Movimento Democratici e Progressisti nasce dalla consapevolezza delle sconfitte e dei fallimenti delle riforme, in particolare quella costituzionale e del mercato del lavoro, attuate dal PD. Renzi ha sempre assunto un atteggiamento arrogante durante il suo mandato e ciò ha fatto in modo che noi uscissimo da quello che era il PD per creare un nuovo progetto che abbia come obiettivo principale il lavoro, dei giovani soprattutto. La sinistra torni a fare la sua parte politica, che non sia fatta di mance e di pacchetti di voti, ma di impegno, di solidarietà e riavvicinamento ai cittadini che rinunciano addirittura a votare perché rassegnati”. Queste le affermazioni dell’ex Parlamentare Alberta De Simone durante la presentazione del nuovo progetto politico DP. Dalla scissione del PD, nasce dunque una nuova idea di sinistra che sembrerebbe iniziare ad accogliere i consensi dei molti elettori “delusi” ed a ricostruire tanti pezzi del centro sinistra, oramai frantumati. “E’ un’associazione e non un partito politico, la nostra. Un insieme di persone che hanno capito che il PD non dialoga con i corpi intermedi, ma piuttosto li attacca e li distrugge, ad esempio con i continui tagli dei fondi”, afferma Mimmo Sarno, il Presidente dell’Acli di Avellino. Ospiti della riunione di alcuni esponenti di Sinistra Italiana, come Roberto Montefusco. Per Francesco Todisco, ex Pd, oggi Dp, la scissione è stata voluta appositamente da Renzi che “l’ha costruita pezzo dopo pezzo, negando la possibilità di discutere insieme sul da farsi e sugli impegni presi con i cittadini. Ci ha fatto sentire ospiti in casa nostra” – afferma Todisco – e “dobbiamo perciò costruire il Movimento Democratici e Progressisti sulla base delle esperienze politiche passate ma con un volto nuovo, a disposizione di questa Provincia”. Ricreare una comunità che da troppo tempo non esiste più, la prospettiva del nuovo centro sinistra, DP.

Print Friendly, PDF & Email