Lavoro in Irpinia e nel Sannio: ecco i profili più richiesti

0
389
Dati Istat

Lavoro, segnali di ripresa anche in Campania. Raffaella Febbo, Candidate Manager Centro Sud di Adecco Italia, conferma la dinamicità del mercato del lavoro regionale trainato “dalle aziende presenti sul territorio che risultano differenti tra loro per settore in cui operano e per le figure professionali che impiegano. C’è molto interesse verso candidati con competenze tecniche specifiche e allo stesso tempo una spiccata sensibilità alle soft skills”. Positivo per Adecco Italia il bilancio di Garanzia Giovani. “La Regione Campania ha investito molto su uno strumento che si è tradotto in opportunità per i neet e per le aziende. Il nostro ruolo è stato di renderci protagonisti come portavoce con le aziende e coinvolgendo i ragazzi in opportunità concrete di lavoro. L’invito ai giovani è di essere curiosi, di sentirsi cittadini del mondo ed investire il tempo nella ricerca attiva del lavoro rendendosi candidati attivi”.

Quali sono i profili professionali maggiormente richiesti in regione Campania?

Sono eterogenei e si collocano in diverse industry e nel settore medical. La figura dell’operaio specializzato risulta essere la più richiesta, seguita dai commessi di punti vendita. Operatori ecologici e addetti alle pulizie sono altre due tipologie professionali molto richieste, così come l’operatore su stampi.

E in Irpinia?

La provincia di Avellino si caratterizza prevalentemente per profili industrial; negli anni il mercato ha visto una richiesta sempre maggiore di profili specializzati come manutentori elettromeccanici, operatore macchine cnc. L’inserimento di disegnatori e progettisti meccanici e ingegneri alla qualità hanno sicuramente caratterizzato l’ultimo biennio. Un mercato di nicchia è il settore controlling/amministrativo.

Ci sono differenze con la provincia di Benevento?

Nel Sannio i profili più richiesti sono quelli di operatore ecologico, operatore su stampi, operaio alimentare, operatore socio sanitario, operaio addetto al montaggio. Le figure impiegatizie più richieste, seppure con numeri più ridotti rispetto alle figure di produzione, sono l’impiegato/segretario amministrativo, ingegneri meccanici da inserire nell’area manutenzione/qualità/ingegneria di processo, agenti di vendita mono e plurimandatari, addetti vendita in GDO e Retail.

Quali sono i settori più dinamici in Campania?

L’automotive sicuramente che, supportato da una tendenza nazionale di ripresa economica, può farci prevedere un andamento positivo anche per il futuro. Industria chimica e retail si collocano alle spalle dell’automotive, ma offrono un maggior numero di offerte rispetto all’industria metalmeccanica e a quella di gomma e plastica che si collocano comunque tra i primi cinque settori per numero di possibilità di inserimento occupazionale in Regione. Un dato interessante è che i settori industriali in Campania dimostrano significative differenze nell’indice di dinamismo da una provincia all’altra: una tendenza non così comune in questa parte del Paese.

Un trend simile si registra anche in Irpinia e nel Sannio?

Ad Avellino è ovviamente l’indotto metalmeccanico a prevalere, ma ci sono delle realtà alimentari e chimico/farmaceutiche molto importanti. Su Benevento sicuramente c’è fermento nel settore automotive, gomma e plastica, medical. Il metalmeccanico in generale, così come il settore alimentare è concentrato in poche aziende ma esprime numeri interessanti. Interessante è anche la presenza delle APL nella Pubblica Amministrazione nelle more concorsuali.

 

 

Print Friendly, PDF & Email