La magia del Cilento sbarca a Roma

0
484
Il 20 e 21 maggio a Roma
Cilento Divino a Roma

Il Cilento delle tradizioni e dei sapori si prepara a sbarcare a Roma. Dopo la due giorni di “Cilento Divino”, l’attenzione è ora tutta rivolta a “Cilento Capitale”. L’appuntamento è per il 20 e 21 maggio a Roma, in piazza San Cosimato a Trastevere, dove sotto l’egida di Cibbì, Corsetti 1921 e Slow Food, saranno ancora una volta protagoniste le eccellenze enogastronomiche cilentane.

Il modello è quello già sperimentato lo scorso week-end a Pioppi, il caratteristico borgo cilentano che ha affascinato centinaia di visitatori e appassionati che hanno potuto conoscere e apprezzare le tradizioni e i sapori che si tramandano di generazione in generazione, come le “melanzane mbuttunate” di “Anna dei Sapori”, il coniglio dissossato della “Chioccia d’oro” o le polpette di alici. Senza dimenticare la minestra strinta dell’oasi Alento, straordinario concentrato di tutte le erbe della locale oasi naturale, e i fichi cilentani.

Decisamente affollati gli stand occupati dai grandi chef nazionali, come Alessandro Feo e Fabrizio Rizzo, e i laboratori organizzati dalla delegazione Ais Cilento-Diano dove, attraverso un viaggio sensoriale molto coinvolgente, sono stati sposati formaggi di grande tradizione, come il caciocavallo, con i migliori Fiano cilentani.

E poi ancora i volti, le voci e le storie dei locali produttori di vino. Il loro indissolubile legame con una terra straordinaria, ricca di storia e semplicità. Una magia che si respira ogni giorno tra i vicoli di Pioppi, come raccontato da Giuseppe Ungaretti che, nel  marzo del 1932, sostò in una casa del lungomare. Il poeta fu colpito dalla grande cordialità e disponibilità di un popolo e, scrive nel suo Viaggio nel Mezzogiorno, di una “terra ospitale, terra d’asilo”, come si legge sulla lapide in maiolica davanti l’abitazione che lo ospitò.

(ha collaborato Alessandra Acocella)

Print Friendly, PDF & Email