Sibilia (M5S): “Cara Lorenzin, 12 vaccini obbligatori sono troppi”

0
347
Foto Carmine Bellabona

“Cara Lorenzin, 12 vaccini obbligatori sono troppi”. Carlo Sibilia, portavoce del Movimento Cinque Stelle, ritorna sulla polemica con il ministro della Salute. “Chi mi dà dell’anti-vaccinista ha le allucinazioni. Chi mi accusa rischia la querela”. Ieri – ha sostenuto – è stata la giornata dei “franchi traditori” nelle fila del Pd che hanno affossato la legge elettorale e forse anche la speranza di andare al voto il prima possibile come vogliono tutti gli italiani. Ma è stata anche la giornata in cui il Ministro della Salute Lorenzin, quella della campagna del “Fertility day” per intenderci, annunciava querela nei miei confronti. Onestamente – ha continuato Sibilia – non ne comprendo il motivo. Le mie non sono accuse dirette o personali al Ministro, ma solo opinioni politiche. E chi ha voluto vedere posizioni anti-vacciniste nel mio post di ieri ha le allucinazioni. Basta saper leggere”. “Detto questo – sono state ancora le parole di Sibilia – vi chiedo di perdonarmi se qualche volta le mie opinioni politiche siano influenzate dalla storia di questo governo e del partito del Ministro”.

“Chi ha voluto vedere posizioni anti-vacciniste nel mio post di ieri ha le allucinazioni – ha rilevato – basta saper leggere. Sui vaccini non si scherza. Noi contestiamo al governo che invece di spiegare adeguatamente quanto e perché le politiche vaccinali siano fondamentali, sceglie di puntare direttamente su un approccio coercitivo che crea una pericolosa spaccatura nel Paese”. La Lorenzin, ha sottolineato Sibilia, “ha triplicato il numero dei vaccini obbligatori, portandoli a 12 – una cifra che non ha eguali in nessun Paese europeo -: tutto questo quando in Italia non è stata registrata una situazione di emergenza epidemiologica tale da giustificare una decisione così estrema”.

Print Friendly, PDF & Email