Benefici licenziamenti: cresce il numero di lavoratori “scorretti”

0
240

Benefici licenziamenti: cresce il numero di lavoratori “scorretti” che spingono le aziende al licenziamento per ottenere i benefici dell’ASpI (indennità mensile di disoccupazione), con evidenti danni per le stesse imprese. E’ l’indicazione che arriva da una analisi dell’Ufficio studi della Cgia che segnala come nell’ultimo anno i licenziamenti per giusta causa o giustificato motivo soggettivo nel settore privato abbiano registrato una crescita percentuale del 26,5 per cento. Le altre tipologie di licenziamento, invece, non hanno presentato trend di crescita così importanti.

Se i licenziamenti totali sono saliti del 3,5 per cento, quelli per giustificato motivo oggettivo sono aumentati del 4,6 per cento e quelli per esodo incentivato, invece, sono addirittura crollati del 19 per cento. “Ad averne innescato l’ascesa – denuncia il coordinatore dell’Ufficio studi Paolo Zabeo – è stata una cattiva abitudine che si sta diffondendo tra i dipendenti. Seppur in forte crescita, questo fenomeno presenta delle dimensioni assolute ancora contenute. Nell’ultimo anno, infatti, lo stock ha interessato 74.600 lavoratori. Se, comunque, seguiterà questa tendenza, è evidente che nel giro di qualche anno ci ritroveremo con numeri molto importanti”. All’origine del fenomeno, indica la Cgia, il fatto che con l’introduzione della riforma Fornero, dal 2013 chi viene licenziato ha diritto all’ASpI: una misura di sostegno al reddito con una durata massima di 2 anni che costringe l’imprenditore che ha deciso di lasciare a casa il proprio dipendente al pagamento di una ”tassa di licenziamento’.

Print Friendly, PDF & Email