Consumi in risalita: stop per alimentari e abbigliamento

0
258
Dati Confcommercio
Consumi in aumento

L’incremento in termini congiunturali registrato a maggio, dopo la frenata di aprile, è il risultato di un aumento sia della domanda di beni (+0,5%), che recupera parzialmente la perdita del mese precedente, sia della domanda relativa ai servizi (+0,3%). Tra le singole funzioni di consumo, si legge dal rapporto Confcommercio, l’unico incremento significativo si è registrato per la domanda di beni e di servizi per la mobilità (+2,2%), tornata a crescere dopo quattro mesi di trend negativo grazie al recupero della domanda di auto e moto da parte dei privati.

Un contenuto miglioramento ha contraddistinto la spesa per beni e i servizi per le comunicazioni (+0,3%), i beni e i servizi per la cura della persona (+0,3%) e i beni e servizi per la casa (+0,3%) in risalita rispetto ai risultati di aprile. In debole ripresa anche la domanda per gli alberghi, i pasti e le consumazioni fuori casa (+0,2%) e per i beni e i servizi ricreativi (+0,1%). Una variazione nulla si è riscontrata per la spesa di alimentari, bevande e tabacchi, mentre un ridimensionamento, seppur modesto, ha interessato la spesa per l’abbigliamento e le calzature (-0,1%).

Print Friendly, PDF & Email