Contributi dimezzati, più semplice assumere giovani

0
295
Imprenditrici in crescita

Più semplice assumere giovani. Infatti, i contributi dovrebbero essere dimezzati. Un 15-20 punti di contributi in meno, per tre anni, per i primi contratti a tempo indeterminato dei giovani. Non una decontribuzione totale. È questo il taglio del cuneo allo studio di palazzo Chigi. Per la manovra, intanto, si profila una dote da 10-12 miliardi al netto del bonus Ue. Misure, dunque, a favore dei primi contratti a tempo indeterminato per giovani (ancora da stabilire se under 29 o 35); un intervento che avrebbe un costo iniziale inferiore al miliardo di euro nei primi due anni, per poi attestarsi, a regime, a 1,5 miliardi. Sarà un po’ più “selettivo” rispetto alla decontribuzione generalizzata targata Jobs act: il “nuovo” taglio al cuneo allo studio del governo, in vista della manovra di autunno, punterebbe a premiare essenzialmente le aziende che non licenziano; anche se confermerebbe modalità di fruizione (dello sgravio) telematiche e piuttosto agevoli.

Print Friendly, PDF & Email