Da Padre Pio alla Tim: l’innovazione e il futuro passano per Pietrelcina

0
226

A Pietrelcina non si pregherà soltanto. Fusione tra innovazione e jazz, ecco il futuro. Tutto questo grazie a “Jazz’Inn: interferenze territoriali tra jazz e innovazione” che dal 31 luglio al 2 agosto ospiterà nel Sannio startupper, imprese, amministratori, investitori e techbuyers per dar vita a un inedito esperimento di contaminazione tra i tempi dilatati del mondo rurale, la velocità delle trasformazioni tecnologiche e la potenza creativa della musica. A fare da cornice ai lavori degli innovatori sarà infatti la XIII edizione del Festival “Jazz sotto le stelle. Pietrelcina Festival” in programma nel paese di Padre Pio dal 30 luglio al 3 agosto con artisti di respiro internazionale come Paolo Fresu, Uri Caine, Dado Moroni, Max Ionata e Stefano di Battista. A sottolineare l’ibridazione tra mondi diversi è anche il titolo di questa edizione del Festival, “Oltre le note”.

Promossa dalla Fondazione Ampioraggio, “Jazz’Inn” chiamerà a confrontarsi sui nuovi scenari aperti dalla rivoluzione digitale nella pubblica amministrazione, nell’organizzazione del lavoro e negli strumenti di valorizzazione territoriale alcuni tra i più significativi protagonisti della scena dell’innovazione nazionale e internazionale.

Ad offrire opportunità concrete ai progetti di startupper e imprenditori ci sarà anche un big player come TIM, che attraverso la piattaforma TIM Open valuterà le migliori proposte emerse dagli incontri  per inserirle nei propri circuiti. TIM Open sarà presente a tutti i  momenti di incontro.

“Jazz’Inn è un esperimento di intelligenza collettiva che ha l’obiettivo di trasfromare un evento culturale di prestigio in un attrattore di idee e mettere intorno ad un tavolo imprese e amministratori pubblici con startup e pmi innovative alla presenza di investitori e finanziatori, provando, attraverso brainstorming, incontri al bar, passeggiate nei boschi e concerti jazz, a creare le condizioni utili a trasfromare delle idee innovative in progetti concreti e sostenibili. Lo facciamo in un paese simbolo del Sud, lontano dai luoghi comuni dell’innovazione,  anche per dare un messaggio a tutto il resto della Paese” spiega Giuseppe de Nicola, co-founder della Fondazione Ampioraggio e ideatore di Jazz’Inn.

PIETRELCINA SMART CITY

Non solo incontri per parlare di innovazione ma scenario per vederla tradotta concretamente in soluzioni tangibili, il borgo sannita diventerà per tre giorni un’autentica “Demo Smart City”. Alcuni sponsor metteranno infatti a disposizione dei cittadini e di tutti i visitatori le proprie applicazioni, anche in fase beta, per confrontarle in anteprima con il pubblico. Come in un grande laboratorio a cielo aperto, i visitatori di Jazz’Inn potranno testare app per geolocalizzare le attività di interesse come siti storici e religiosi, soluzioni wifi interattive e lampade “intelligenti” in grado di connettersi alla rete.

Print Friendly, PDF & Email