AVELLINO / Consigli comunali di venerdì, le spese lievitano. Ecco quanto ci costano

0
232
Avellino, consiglio comunale

Ecco quanto costano i consigli comunali ad Avellino: la convocazione di venerdì ha fatto lievitare le spese. Molto interessante il focus realizzato da “Il Mattino” sulle pagine provinciali, curato dal collega Marco Imbimbo, dal quale si evince che nei quattro anni di sindacatura Foti, il consiglio comunale è costato circa 300mila euro.

In quattro anni, spiega l’articolo, l’assise cittadina è stata convocata 83 volte e in almeno 15 occasioni è caduto il numero legale. Ogni consiglio comunale impegna almeno 15 dipendenti così ripartiti: quattro uscieri, tre responsabili dell’economato, minimo tre dipendenti della segreteria del sindaco, l’autista del primo cittadino, tre dipendenti agli atti consiliari e un vigile urbano. E si tratta di un costo extra per il Comune perché, per esigenze di alcuni consiglieri, le sedute si tengono quasi sempre il venerdì quando gli uffici sono chiusi, di conseguenza le ore fornite dal personale diventano straordinario per una media di circa 15 euro lordi.

Partendo da una durata media di quattro ore per ogni consiglio, il personale è costato circa 120 mila euro in questi quattro anni, ma la cifra è anche più alta perché buona parte di questo personale viene chiamato in servizio molto prima dell’inizio della seduta di consiglio. A ciò si devono aggiungere i costi per l’illuminazione, l’impianto climatizzatore, manutenzione e pulizia. Poi ci sono i gettoni di presenza dei consiglieri che ammontano a circa 150 mila euro (sempre nei quattro anni), comprese le commissioni consiliari, i cui lavori quasi mai vengono presi in considerazione dalla giunta (come più volte hanno denunciato gli stessi consiglieri).

“A conti fatti”, sottolinea l’articolista, “ l’ente in questi anni ha speso almeno trecentomila euro per i consigli comunali. E la produttività dell’Assise è andata calando nel tempo anni”.

Print Friendly, PDF & Email