Decreto Sud: fondi ai giovani per nuove imprese (anche turismo e agricoltura)

0
339

Via libera al Decreto Sud anche al Senato. Tra le altre cose, la misura ‘Resto al sud’ a favore dei giovani imprenditori tra i 18 e i 35 anni che è stata rafforzata nel corso dell’esame al Senato (con l’innalzamento della soglia del finanziamento a 50mila euro e l’estensione ad alcuni settori come il turismo). L’iniziativa punta a promuovere la costituzione di nuove imprese, anche agricole, nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia e prevede un finanziamento che consiste per il 35% in erogazioni a fondo perduto e per il 65% è un prestito a tasso zero da rimborsare, complessivamente, in otto anni di cui i primi due di preammortamento.

L’operazione conta su risorse complessive per 1,250 miliardi tratte dal Fondo per lo sviluppo e la coesione – programmazione 2014-2020.

Nelle stesse regioni è inoltre prevista la concessione o in affitto di terreni o aree in stato di abbandono ai giovani tra i 18 e i 40 anni. Il decreto legge che verrà approvato definitivamente in serata istituisce, inoltre, le Zes, le zone economiche speciali; misure specifiche per l’Ilva, Bagnoli, Matera città della Cultura; una proroga dell’iper-ammortamento.

Fra le novità introdotte nel corso della prima lettura al Senato, ci sono misure a favore delle aree del Centro Italia colpite dal terremoto del 2016; interventi infrastrutturali tra cui la messa in sicurezza delle A24 e A25; una norma ‘salva-Flixbus’; misure di contrasto al fenomeno degli incendi dolosi.

Print Friendly, PDF & Email