“Non siamo Casalesi, nessuno ci manderà a casa”. Mirabella, la versione del sindaco -Video

0
212

Una conferenza stampa per rispondere alle offese “anche personali”. Una conferenza stampa che, però, non si tiene nel luogo che sarebbe maggiormente deputato, ovvero Mirabella Eclano, ma il Circolo della Stampa di Avellino: cosa che ha fatto storcere il naso a molti residenti della cittadina della Valle del Calore. Ma tant’è. Il sindaco Capone ed un po’ di giunta comunale si “difendono”  da quella che, fanno intendere, è una pressione mediatica senza fine. “Mirabella è finita nell’occhio del ciclone senza motivo, è assurdo. C’è qualcuno che vuole mettere le mani sulla città e fa di tutto per screditarla”, commenta il primo cittadino. “Mirabella – prosegue – non merita questo e non merita un’opposizione così giustizialista. Da tre anni siamo sotto attacco”.

Il sindaco parla anche di questioni giudiziarie. “Non abbiamo mai ricevuto un avviso di garanzia. Si parla di proroga di indagini, cercheremo di capire meglio di cosa si tratta, può darsi non riguardi nemmeno questa giunta. C’è qualcuno che ci accomuna addirittura ai Casalesi, insomma, siamo all’assurdo. L’obiettivo dell’opposizione è di mandarci a casa. Ma non avranno vita facile, perché Mirabella Eclano è con noi”.

Print Friendly, PDF & Email