Gambero Rosso: il vino bianco dell’anno è il Fiano irpino dei Favati

0
2160

Gambero Rosso: il vino bianco dell’anno è il Fiano irpino dei Favati. Grande soddisfazione, ovviamente, per la provincia di Avellino. Come ogni anno torna la guida Vini d’Italia 2018 del Gambero Rosso, giunta ormai alla sua 31esima edizione. Tradotta in inglese, tedesco, cinese e giapponese, quest’anno la guida premia 436 etichette che si sono aggiudicate i Tre Bicchieri, il massimo riconoscimento attribuito dal Gambero ai vini italiani. In totale, sono 22.000 le referenze che sono entrate in guida, per un totale di 2485 aziende che rappresentano il meglio della produzione vitivinicola made in Italy.

Il Piemonte è la regione che si aggiudica il maggior numero di Tre Bicchieri, con 77 etichette premiate, segue la Toscana con 76, il Veneto con 41, l’Alto Adige con 27, il Friuli Venezia Giulia con 26, la Lombardia e la Campania con 23, la Sicilia con 22, le Marche con 21, l’Emilia Romagna con 16, la Puglia con 13, il Trentino e la Sardegna se ne aggiudicano 12, l’Abruzzo 11, l’Umbria 9, il Lazio e la Liguria 7, la Valle d’Aosta 6, la Basilicata 5, la Calabria 4 e il Molise con 1. I vini della nuova sezione dedicata al Canton Ticino si aggiudicano 2 etichette premiate con i Tre Bicchieri. Cresce il numero dei Tre bicchieri Verdi, ossia quelli prodotti da aziende biologiche o biodinamiche certificate, che quest’anno sono ben 99.

Il premio rosso dell’anno al Valtellina Sup. Sassella Rocce Rosse Ris. ’07 dell’azienda Ar. Pe. Pe.; il bianco dell’anno se lo aggiudica l’azienda I Favati con il Fiano d’Avellino Pietramara ’16. Al Marcalberto Extra Brut Millesimo2mila12 M. Cl. ’12 dellfazienda Marcalberto va il premio Bollicine dell’Anno. Il dolce dell’anno al Malvasia delle Lipari Passito ’16 di Carvaglio; mentre Masi della famiglia Boscaini è stata premiata come Cantina dell’Anno.

Il premio miglior rapporto qualità prezzo lo vince il Romagna Sangiovese Sup. Sigismondo ’16, figlio di un progetto speciale dell’azienda Le Rocche Malatestiane. Stefano Amerighi e il Viticoltore dell’Anno. La cantina emergente va al gruppo calabrese Spiriti Ebbri. Il premio per la vitivinicoltura sostenibile va a Ferrari della famiglia Lunelli, che da anni si impegna con convinzione in questo settore. Un nuovo riconoscimento è quello del Premio Progetto Solidale, che va a personaggi ed aziende che abbiano dimostrato una particolare sensibilità sociale. E’ stata premiata Elisabetta Fagiouli dell’azienda toscana Montenidoli, che ha creato una fondazione che darà una casa ad anziani e giovani in difficoltà.

Print Friendly, PDF & Email