Rinviato a giudizio: il comandante dei vigili urbani rischia il trasferimento

0
438

Rinviato a giudizio per abuso d’ufficio e tentata concussione, il comandante dei vigili urbani di Avellino potrebbe essere trasferito d’ufficio. La posizione di Michele Arvonio sarà valutata molto probabilmente già la prossima settimana. Sarà al vaglio, nello specifico, della Commissione disciplinare del Comune capoluogo. Si tratta di una procedura prevista per legge, come ha ricordato l’assessore al Personale Anna Carbone. Procedura che deve essere messa in atto quando un dipendente di un ente pubblico finisce sotto processo. Tutto questo si è saputo nella tarda mattinata di oggi, proprio quando diversi assessori ed il vicesindaco continuavano a dire il contrario e ad esprimere la massima fiducia al comandante Arvonio, sulla stessa lunghezza d’onda del sindaco.

Paolo Foti, come si ricorderà, la mattina stessa della notizia del rinvio a giudizio del comandante dei vigili urbani, tenne a sottolineare la sua totale fiducia nei suoi confronti, “sminuendo” il lavoro della Magistratura, come tennero ad evidenziare i consiglieri comunali di opposizione Giordano e Preziosi. Arvonio, dunque, essere trasferito in un altro ufficio, anche se la Commissione ha anche la facoltà di sospendere il giudizio in attesa dell’esito del processo. L’opposizione consiliare, nel frattempo, nei prossimi giorni chiederà un incontro sulla questione al sindaco Paolo Foti.

Print Friendly, PDF & Email