Renzi in Valle Ufita: “Prima gli operai, dopo il Pd di Avellino”

0
340
Matteo Renzi in visita all'ex Irisbus di Flumeri, oggi IIA (Foto di Carla La Sala)

La prima volta che Matteo Renzi incontrò gli operai della Ex Irisbus di Flumeri fu contestato e non poco. Era il 2012, l’ex Premier era ad Avellino, dove arrivò a bordo di un camper. Oggi non è cambiato solo il mezzo di trasporto. Dal camper al treno, il treno “Destinazione Italia” che ha fatto tappa ad Ariano Irpino. Ma rispetto a cinque anni fa, di acqua sotto i ponti ne è passata tanta anche per la ex Irisbus. Oggi Industria Italiana è stata riaperta e, anche se a fatica, produce di nuovo i primi pullman, dove Renzi questa mattina è salito. “Ma non finisce qui”, ha dichiarato il segretario del Pd. “Voi pensate a produrre autobus di qualità, noi faremo la nostra parte”. La politica, su nostra espressa domanda, non è al momento nei suoi pensieri. “So bene cosa sta succedendo al Pd ad Avellino, ma per ora vengono prima gli operai di questo stabilimento che rischiano comunque ancora di perdere il lavoro, nonostante tutto”.

Renzi parla a braccio una decina di minuti. “Posso guadare negli occhi gli operai e le loro famiglie”, dice ancora. Non si siede nemmeno, resta in piedi. E’ vestito in modo casual, ha lo sguardo stanco, ma sembra non volersi fermare un attimo. Questa sera è atteso in Francia. “Dovremmo prendere esempio da loro”, sottolinea. “Si dicono europeisti, sono europeisti, ma quando c’è da tutelare la produzione francese, lo fanno. Ecco, anche noi dovremmo essere convinti e tutelare il made in Italy”.

Print Friendly, PDF & Email