AVELLINO / Arrestato 70enne: faceva prostituire ragazzine per clienti vip

0
264

Il blitz è scattato all’alba di questa mattina. I carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Avellino hanno portato in carcere un insospettabile 80enne del capoluogo, gestore di un noto circolo ricreativo privato ubicato proprio nel centro città. Le accuse nei suoi confronti sono terribili:  induzione e sfruttamento della prostituzione, reati aggravati dalla minore età delle vittime. Secondo quanto appurato dai militari, coordinati dalla Procura della Repubblica di Napoli, il circolo fungeva anche da copertura per un ampio giro di baby squillo, che fruttava discrete somme di denaro. In pratica, il locale era molto frequentato da ragazzine che facevano il classico filone a scuola. A quelle più avvenenti, l’uomo faceva la proposta di lavorare per lui come bariste. Dal bancone del bar al letto, il passo era purtroppo molto breve.

Dodici le ragazze, dieci delle quali tra i 14 e i 17 anni, e altre due 18enni sono finite nel giro di prostituzione.  Ad ogni ragazzina corrispondeva una categoria professionale: “l’ingegnere”, “l’avvocato”, “il medico”, in base alla quale i clienti venivano contattati e sceglievano, pagando per una prestazione dai 10 ai 100 euro. Due clienti, assidui frequentatori del circolo, sono finiti agli arresti domiciliari:  clienti vip di Avellino, di 50 e 60 anni.

Print Friendly, PDF & Email