“Nell’80 ho fatto Liceo nei garage ma ora i tempi sono cambiati”. Scuole, affondo di Mastroberardino

0
470
Piero Mastroberardino in primo piano

La nostra classe dirigente non tiene nella giusta considerazione le forze del domani, la formazione dei nostri giovani. Ho fatto il Liceo ad Avellino nei favolosi anni ’80 e frequentavamo gli istituti nei garage, facevamo lezioni nei sottoscala, ma erano altri tempi, ora tutto è cambiato”. Piero Mastroberardino, l’imprenditore irpino più noto in Italia e nel mondo, è invitato a Confindustria Avellino – dove vi ha fatto ritorno dopo tanti anni di assenza, come sottolineato con enfasi dal presidente Giuseppe Bruno – alla presentazione del libro di Giovanni Lo Storto, direttore generale dell’Università “Luiss Guido Carli”, autore di “Ero studente, il desiderio di prendere il largo”. Un testo che fa riflettere sulla formazione, ovviamente, sull’istruzione. E nel pieno “caos scuole” che sta vivendo Avellino e che Mastroberardino segue da vicino, l’imprenditore vitivinicolo non le manda di certo a dire: “Credo sia opportuno  riflettere su come vengono allocate le risorse economiche relativamente all’edilizia scolastica. Questo è un aspetto drammatico per il nostro Paese, negli ultimi 40 anni ci sono stati problemi evidenti in relazione a scelte strategiche”. “Offriamo ai nostri studenti degli ambienti scolastici che non sono il massimo dell’accoglienza, questo è un biglietto da visita negativo per tutti”.

Print Friendly, PDF & Email