I droni per salvare l’ambiente: Irpinia prima in Italia

0
593
In primo piano Claudia Campobasso, dirigente Genio Civile Avellino e Ariano

Le nuove tecnologie al servizio dell’uomo. Anche i droni possono contribuire a salvare l’ambiente e ad abbattere i tempi per la messa in sicurezza del territorio. Dalle parole ai fatti, il Genio Civile di Avellino è uno dei primi in Italia ad aver utilizzato questo sistema innovativo. Immagini satellitari, voli lidar, riprese con droni attrezzati con diversi sensori e rilievi laser scanner oggi possono fornire informazioni molto dettagliate, anche con precisione centimetrica, sia dell’ambiente fisico che del costruito e del loro monitoraggio nel tempo. Il tutto può essere molto utile per la perimetrazione e la modellazione di movimenti franosi.

Anche in provincia di Avellino, al momento, in due casi, subito dopo l’estate di fuoco che, purtroppo, ha visto l’Irpinia giocarsi il triste primato di provincia più colpita con Salerno, l’utilizzo dei droni è “sceso in campo”, anche grazie alla collaborazione tra Genio Civile e l’Università Federico II di Napoli. Il primo volo sperimentale a Senerchia, poi si è passati Montoro, in una zona particolarmente colpita dalle prime piogge autunnali, una zona molto vasta, che consentirà di pianificare al meglio alcuni interventi di messa in sicurezza.

Print Friendly, PDF & Email