La disperazione degli ex parcheggiatori tra malori e sciopero della fame

    0
    482

    Pronti a tutto, purtroppo. Anche a rischiare la vita. Qualcuno ieri sera già si è sentito male, provvidenziale l’arrivo del 118. Sono gli ex parcheggiatori di Avellino che ieri hanno cominciato lo sciopero della fame, una protesta ad oltranza, insomma. Non vedono prospettive, sono esasperati. Oggi si annuncia una nuova e dura giornata. Sempre davanti al Comune di Avellino. Sono una decina gli ex dipendenti delle cooperative.

    “Non vogliamo la carità, ma un lavoro proprio come quello che ci è stato tolto. Hanno deciso di eliminare la figura del parcheggiatore, per mettere i parchimetri? Bene, allora devono reinserirci in servizi d pulizia e guardiania proprio come deliberato dal consiglio comunale. Ormai ci hanno ridotti alla disperazione, siamo a pochi giorni da Natale e non sappiamo cosa mettere nel piatto ai nostri figli”.

    Print Friendly, PDF & Email