AVELLINO / Integrazione all’asilo nido, nel presepe Gesù è un bimbo di colore di 7 mesi

0
639

Bimbi piccoli, dai sette mesi ai due anni, sono i protagonisti dello splendido presepe vivente realizzato all’asilo comunale di Avellino, in via Morelli e Silvati. Sono gli “attori” ma anche i “costruttori” materiali della location insieme alle loro educatrici. Nella capanna, con tanto di bue ed asinello, quest’anno nasce un Bambin Gesù di colore.

Un Gesù di 7 mesi di nome Momi, un bel messaggio di integrazione lanciato dai bambini e dall’intera struttura, in un periodo particolarmente delicato come quello in cui stiamo vivendo. La piccola Diletta, di due anni, sarà la Madonna, mentre Giuseppe, sempre di due anni, interpreta il marito di Maria, ovvero San Giuseppe.

E poi, ancora, lavandaie, pastori e pastorelle ed il pifferaio, in una magica atmosfera natalizia impreziosita dai canti di Natale. Due giorni di lavoro per realizzare un presepe vivente molto bello, grande e davvero reale. I 50 bambini dell’asilo nido, insieme alle sei educatrici ed alle tre insegnanti, lavorano alacremente per allestire una piccola opera d’arte, da vedere assolutamente. C’è tutto, non manca niente o quasi: dalla capanna all’osteria. Ed anche strumenti molto antichi, come la tinozza del secolo scorso, ad esempio.

I piccoli danno così sfogo alla loro creatività ed alla loro fantasia, creando anche momenti di integrazione di notevole significato.

All’opera, che viene realizzata da 30 anni, sarà dedicato anche un servizio che andrà in onda su LabTv, canale 625 digitale terrestre.

Print Friendly, PDF & Email