Roma ha deciso, il congresso irpino del Pd è stato rinviato

0
830
Direzione nazionale Pd

Roma ha deciso, il congresso irpino del Pd è stato rinviato.

La decisione dell’ultim’ora. Roma ha accettato la richiesta del segretario regionale del Pd, Assunta Tartaglione. Il congresso provinciale del Partito Democratico, che si sarebbe dovuto tenere il 14 gennaio, è stato rinviato a dopo le elezioni del 4 marzo. La lettera ad Ermini è arrivata direttamente dal responsabile nazionale Andrea Rossi.

“A seguito delle tue valutazioni sulla situazione locale interna al partito e della lettera pervenuta dalla segreteria regionale – scrive Rossi – non sussistono le condizioni politiche locali auspicate e indispensabili per la celebrazione del congresso. Inoltre in sede locale la conflittualità interna risulta ad oggi non superata nonostante il tuo sforzo. Per tali motivi, il congresso provinciale straordinario di Avellino dovrà essere celebrato dopo le elezioni politiche del 4 marzo 2018, proprio per non ostacolare l’importante fase di campagna elettorale che si aprirà nelle prossime settimane”.

Naturalmente, fino al congresso, Ermini continuerà a svolgere le funzioni di commissario politico, come da atto di commissariamento del 12 ottobre scorso.  E sulle candidature irpine del Pd, domani la verità è attesa ancora da Roma. Per la Capitale passa il futuro di diversi aspiranti ad un posto in Parlamento in quota Dem. Sarà la riunione convocata al Nazareno tra i vertici nazionali e quelli regionali del partito a decidere, molto probabilmente, la lista dei nomi che andranno a contendersi i posti alla Camera ed al Senato. La segreteria regionale, Tartaglione, dovrebbe portare all’attenzione di Renzi i nomi di Rosetta D’Amelio, Luigi Famiglietti, Valentina Paris ed Enzo De Luca.

 

Print Friendly, PDF & Email